Welcome to Villa Speranza.

Welcome to Villa Speranza.

Search This Blog

Translate

Thursday, March 29, 2012

In memoriam Salvatore Macca

Speranza


From Tales from the Italian: Stories of Heroism and Romance, The Review of Reviews Co.; 1920; pp. 1-7.

RUSTIC CHIVALRY
BY GIOVANNI VERGA

The most famous of modern Italian short stories is familiar to every opera-goer as "Cavalleria Rusticana".

This brief but swift and dramatic masterpiece is typical of the greater work of this pioneer in native literary art.

Out of the impressions and memories of his childhood home in Sicily he has created a picture of peasant life that is a revelation.

Beneath the burdens and sadness of life he has seen the innate nobility of these untutored souls.

Who can forget Salvatore "Turiddu" Macca, whose love for his mother Nunzia ("Lucia") keeps ever before his eyes her image as he saw her last in the hen-house?

His tales are such direct copies from life that they show clearly Verga’s ideal of fiction, that it “should not preserve in its living forms any impression from the mind in which it has budded, no colouring from the eye which has discovered it, no trace of the lips that murmur it in the act of creation.”

You have in his stories, not fiction, but life itself. You know exactly what Sicilian character may become.]

----

SALVATORE "TURIDDU" MACCA, the son
of mistress Nunzia-Lucia, when he came
home from being a soldier, every afternoon strutted about the piazza with his bersagliere uniform and his red cap, that
looked like a fortune-teller’s when he
sets up his bench with the cage of canaries.

The girls looked longingly at him as they went to mass with their roses in their mantles, and the urchins buzzed about him like flies.

Salvatore Turiddu Macca had brought with him a pipe
with the king on horseback on it, like life, and
he lighted matches on the seat of his
trousers, raising one leg as if to give a kick.

But with all that Massaro Angelo’s Lola had not shown
herself either at mass or on the balcony, for she had
betrothed herself to a man from
LICODIA who was a carter and had FOUR mules from SORTINO in his barn.

At first when Salvatore Turiddu Macca learned it,

"holy great devil!"

he would cut out the heart of that man from Licodia, he would!

However he did nothing of the kind, and vented his anger by going to sing all the songs of disdain which he knew, under the window of the beauty.

“Hasn’t mistress Nunzia’s Salvatore Turiddu Macca anything to do?” said the neighbours, “that he passes the nights singing like a solitary sparrow?”

Finally he came upon Lola who was returning from a visit to the Madonna of Peril, and at seeing him she turned neither white nor red, as if it was no matter of hers.

“Blessed is he who sees you!” Salvatore Turiddu Macca said to her.

“Oh, Compare Turiddu, they
told me that you came back the first of the month.”

“To me they told other things yet!” he answered.

“It is true that you marry Compare Alfio the carter?”

“If it is the will of God!” replied Lola Angelo, drawing the two ends of her kerchief over her chin.

“The will of God, you do it fast and loose, as it suits you!

And the will of God was that I must come back from so far away to find these fine tidings, mistress Lola!”

The poor fellow tried to appear brave, but his voice had turned hoarse.

And he went behind the girl, with a swinging walk, while the tassel of his cap danced here and there on his shoulders.

She, in her conscience, was grieved to see him with such a long face.

However, she had not the heart to flatter him with fine words.

“Listen, Compare Salvatore Turiddu Macca,” Lola said to him at last, let me rejoin my companions. What would they say if they saw me with you? —”

“That is right,” replied Salvatore Turiddu Macca.

“Now that you are to marry Compare Alfio, who has FOUR mules in the stall, people must not be set talking.

My mother instead, poor woman, had to sell our bay mule and that little piece of vineyard on the highway, in the time that I was a soldier."

The times are past when Bertha span, and you think no more of the time when we talked to each other at the window upon the courtyard and you presented me that handkerchief, before I went away, and heaven knows how many tears I have wept in it, going away so far that even the name of our town was lost.

Now farewell, mistress Lola Angelo.

Let us consider it a good riddance and our friendship ended.”

Mistress Lola married the carter Alfio.

And Sunday she placed herself on the balcony with her hands before her to show all the heavy gold rings that her husband had presented to her.

Salvatore Turiddu Macca continued to pass and repass through the narrow street, with his pipe in his mouth and his hands in his pockets, with an air of indifference, and eying the girls; but within, it gnawed him to think that the husband of Lola should have all that gold, and that she should feign not to see him when he passed.

“I will play her a trick under her very eyes, that jade!” he muttered.

Opposite to Compare Alfio lived Massaro Cola, the vine-dresser, who was rich as a hog, they said, and had a daughter at home, Santa Cola.

Turiddu said and did so much that he was taken
into employment by Massaro Cola, and began to frequent the house and to say sweet little words to the girl, Santa Cola.

“Why don’t you go to say to mistress Lola these fine things?” answered Santa.

“Mistress Lola is a great lady."

"Mistress Lola Angelo has married a crowned king, now!”

“I don’t merit crowned kings.”

“You are worth a hundred Lolas."

"And I know a man who wouldn’t look at mistress Lola, nor her saint, when you are there, for mistress Lola is not worthy to bring your shoes, she is not worthy."

“The fox when he could reach the grape —”

“Said: how beautiful you are, my little bunch of grapes!”

“Oh! Those hands, Compare Turiddu.”

“Are you afraid that I shall eat you?”

“I am not afraid of you nor of your saint.”

“Eh, your mother was from ---> Licodia, we know."

"You have quarrelsome blood! I could eat you with my eyes!”

“Eat me with your eyes, for we shall make no crumbs; but meanwhile draw up this fagot for me.”

“For you I would draw up the whole house, I would!”

Santa Cola, in order not to blush, threw him a log that she had under her hand, and it did not hit him by a miracle.

“Let us make haste, for talk does not bind twigs.”

“If I were rich, I would seek a wife
like you, mistress Santa Cola”

“I shall not marry a crowned king like mistress Lola Angelo, but I have my dowry, too, when the Lord shall send me someone.”

“We know that you are rich, we know it!”

“If you know it, then make haste, for papa Cola is coming and I would not like to be found in the courtyard.”

The father Cola began to make a wry face, but the daughter feigned not to observe it, for the tassel of the cap of the bersagliere had made a tickling within her heart, and danced always before her eyes.

When the father put Salvatore Turiddu Macca out of the door, the daughter opened the window and stayed talking with him the whole evening, so that all the neighborhood talked of nothing else.

“For you I am going mad,” said Salvatore Turiddu Macca, “and I lose sleep and appetite.”

“Talk.”

“I would like to be the son of the king to marry you!”

“Talk!”

“By the Madonna, I could eat you like bread!”

“Talk!”

“Ah! On my honor!”

“Ah; mamma mia!”

Lola, who listened every evening, hidden behind a pot of basil, and turned pale and red, one day called Salvatore Turiddu Macca.

“And so, Compare Salvatore Turiddu Macca, old friends never salute each other any more?”

“But!” sighed the young man, “Blessed is he who can salute you!”

“If you have the intention to salute me, you know where I live!” replied Lola Angelo.

Salvatore Turiddu Macca returned so often to salute her that Santa noticed it, and slammed the window in his face.

The neighbors pointed him out to each other with a smile or a motion of the head, when the bersagliere passed.

The husband of Lola was away at the fairs with his mules.

“Sunday I will go to confession, for last night I dreamed of black grapes,” said Lola Angelo.

“Let it be! Let it be,” begged Salvatore Turiddu Macca.

“No, now that Easter is approaching, my husband would want to know why I did not go to confession.”

“Ah,” murmured Massaro Cola’s Santa, waiting upon her knees for her turn before the confessional where Lola was doing the wash of her sins.

“On my soul I will not send you to Rome for a penance!”

Compare Alfio returned with his mules, loaded with pence, and brought as a present to his wife a beautiful new gown for the festival.

“You are right to bring her presents,” neighbor Santa told him, “because while you are away your wife dishonors your house.”

Compare Alfio was one of those carters who wear their cap over their ears, and to hear speech like that about his wife he changed color as if he had been stabbed.

“Holy great devil!” he exclaimed, ‘if you have not seen right, I will not leave your eyes to weep! You and all your kinsfolk!”

“I am not accustomed to weep!” replied Santa.

“I did not weep even when I have seen with these eyes mistress Nunzia’s Salvatore Turiddu Macca entering your wife’s house at night.”

“It’s well,” answered Compare Alfio.

“Many thanks.”

Salvatore Turiddu Macca, now that the cat had returned, did not frequent any more by day the little street, and dissolved his gloom at the inn with his friends; and on Easter eve they had on the table a plate of sausages.

When Compare Alfio entered, only by the way in which he set his eyes upon him, Turiddu understood that he was come about that affair, and laid down his fork upon his plate.

“Have you commands to give me, Compare Alfio?” he said.

“No favor to ask Compare Turiddu. It was some time that I had not seen you, and I wished to speak of that thing which you know.”

Turiddu at first offered him a glass, but Compare Alfio put it aside with his hand.

The Turiddu arose and said to him:

“I am here, Compare Alfio.”

The carter threw his arms around
the neck of Turiddu.

“If tomorrow you will come among the
Indian fig-trees of he

---> Canziria,
we can speak about that affair,
neighbour.”

“Wait for me on the highway at sunrise, and we will go together.”

With these words they exchanged the kiss of challenge.

Salvatore Turiddu Macca

pressed between his teeth the ear of the carter, and so made him a solemn promise not to fail.

The friends had silently quitted the sausage, and they accompanied Turiddu home.

Mistress Nunzia, poor woman, waited until late every evening for him.

“Mamma,” said Turiddu to her,

“do you remember, when I went for a soldier, that you believed I should never come back?

Give me as fine a kiss as then, because tomorrow morning I shall go far away.”

Before daybreak he took his clasp-knife, which he had hidden under the hay when he went as a conscript, and set forth for
the Indian fig-trees of Canziria.

“O Gesù Maria!
Where are you going in such haste?” whimpered Lola, frightened, as her husband was about to leave the house.

“I am going near here,” replied Compare Alfio;
“but for you it would be better that I should never return.”

Lola, in her shift, prayed at the foot of the bed and pressed to her lips the rosary that Fra Bernardino had brought her from the Holy Places, and recited all the Ave Marias it would hold.

“Compare Alfio,” began Turiddu, after he had gone some way into the wood beside his companion, who was silent, with his cap over his eyes, “as true as the Lord, I know that I am in the wrong, and I would let myself be killed.

But before coming here, I have seen my old mother who had gotten up in order to see me go away — with pretext of looking after the hen-house — as if her heart spoke to her.

And as true as the Lord I would kill you, so as not to make my little old woman weep.”

“That is well,” replied Compare Alfio, taking off his jacket.

“We will hit hard, both of us.”

Both were brave hitters.

Salvatore Turiddu Macca got the first blow, and was in time to take it on the arm. And when he returned it, he gave a good one, and struck at the body.

“Ah! Compare Salvatore Turiddu Macca, you really have the intention to kill me!”

“Yes, I told you so; now that I have
seen my old woman in the hen-house, I seem to have her always before my eyes.”

“Open your eyes well!” Compare Alfio cried to him, “for I am about to give you back good measure.”

As he stood on guard, drawn together to keep his left hand upon the hurt which pained him, and almost touched his elbow to the ground, he caught up quickly a handful of dust and threw it in his adversary’s eyes.

“Ah!” howled Turiddu, blinded, “I’m dead.”

He tried to save himself by making desperate leaps backward; but Compare Alfio reached him with another blow in the stomach, and a third in the throat.

“And there! That is for the house that you have dishonored."

"Now your mother will let the hens alone.”

Turiddu groped with his hands in the air for a while, here and there among the Indian fig-trees, and then fell like a stone.

The blood gurgled foaming in his throat, and he could not even utter:

“Ah, mamma mia!”

Turiddu

Speranza

Cavalleria Rusticana

Verga

[Salvatore] Turiddu Macca, il figlio della gnà Nunzia,
come tornò da fare il soldato, ogni domenica si pavoneggiava in piazza coll'uniforme da bersagliere e il berretto rosso, che sembrava quello della buona ventura, quando mette su banco colla gabbia dei canarini.

Le ragazze se lo rubavano cogli occhi, mentre andavano a messa col naso dentro la mantellina, e i monelli gli ronzavano attorno come le mosche.

Egli aveva portato anche una pipa col re a cavallo che pareva vivo, e accendeva gli zolfanelli sul dietro dei calzoni, levando la gamba, come se desse una pedata. Ma con tutto ciò Lola [Cola] di massaro Angelo [Cola] non si era fatta vedere né alla messa, né sul ballatoio ché si era fatta sposa con uno di Licodia, il quale faceva il carrettiere e aveva quattro muli di Sortino in stalla.

Dapprima [Salvatore] Turiddu [Macca] come lo seppe, santo diavolone! voleva trargli fuori le budella dalla pancia, voleva trargli, a quel di Licodia! però non ne fece nulla, e si sfogò coll'andare a cantare tutte le canzoni di sdegno che sapeva sotto la finestra della bella.

- Che non ha nulla da fare
Turiddu della gnà Nunzia, dicevano
i vicini, che passa le notti a cantare come una passera solitaria?

Finalmente s'imbatté in Lola che tornava dal viaggio alla Madonna del Pericolo, e al vederlo, non si fece né bianca né rossa quasi non fosse stato fatto suo.

"Beato chi vi vede!"

le disse.

"Oh, compare [Salvatore] Turiddu [Macca], me l'avevano detto che siete tornato al primo del mese."

"A me mi hanno detto delle altre cose ancora!"

rispose lui.

Che è vero che vi maritate con compare Alfio, il carrettiere?

"Se c'è la volontà di Dio!"

rispose Lola tirandosi sul mento le due cocche del fazzoletto.

"La volontà di Dio la fate col tira e molla come vi torna conto! E la volontà di Dio fu che dovevo tornare da tanto lontano per trovare ste belle notizie, gnà Lola!"

Il poveraccio tentava di fare ancora il bravo, ma la voce gli si era fatta roca.

Ed egli andava dietro alla ragazza dondolandosi colla nappa del berretto che gli ballava di qua e di là sulle spalle.

A lei, in coscienza, rincresceva di vederlo così col viso lungo, però non aveva cuore di lusingarlo con belle parole.

"Sentite, compare Turiddu, gli disse alfine, lasciatemi raggiungere le mie compagne. Che direbbero in paese se mi vedessero con voi?"

"E giusto", rispose Turiddu.

"Ora che sposate compare Alfio, che ci ha quattro muli in stalla, non bisogna farla chiacchierare la gente."

"Mia madre invece, poveretta, la dovette vendere la nostra mula baia, e quel pezzetto di vigna sullo stradone, nel tempo ch'ero soldato."

"Passò quel tempo che Berta filava, e voi non ci pensate più al tempo in cui ci parlavamo dalla finestra sul cortile, e mi regalaste quel fazzoletto, prima d'andarmene, che Dio sa quante lagrime ci ho pianto dentro nell'andar via lontano tanto che si perdeva persino il nome del nostro paese."

"Ora addio, gnà Lola, facemu cuntu ca chioppi e scampau, e la nostra amicizia finiu."

La gnà Lola si maritò col carrettiere.

E la domenica si metteva sul ballatoio, colle mani sul ventre per far vedere tutti i grossi anelli d'oro che le aveva regalati suo marito.

Salvatore "Turiddu" Macca seguitava a passare e ripassare per la stradicciuola, colla pipa in bocca e le mani in tasca, in aria d'indifferenza, e occhieggiando le ragazze.

Ma dentro ci si rodeva che il marito di Lola avesse tutto quell'oro, e che ella fingesse di non accorgersi di lui quando passava.

"Voglio fargliela proprio sotto gli occhi a quella cagnaccia!", borbottava.

Di faccia a compare Alfio ci stava massaro Angelo Cola, il vignaiuolo, il quale era ricco come un maiale, dicevano, e aveva una figliuola, Santa, in casa.

Salvatore "Turiddu" Macca tanto disse e tanto fece che entrò camparo da massaro Angelo Cola, e cominciò a bazzicare per la casa e a dire le paroline dolci alla ragazza Santa

"Perché non andate a dirle alla gnà Lola ste belle cose?"

rispondeva Santa Cola

"La gnà Lola è una signorona."

"La gnà Lola ha sposato un re di corona, ora."

"Io non me li merito i re di corona."

"Voi ne valete cento delle Lole, e conosco uno che non guarderebbe la gnà Lola, né il suo santo, quando ci siete voi, ché la gnà Lola, non è degna di portarvi le scarpe, non è degna."

"La volpe quando all'uva non ci poté arrivare."

Disse: come sei bella, racinedda mia!

"Ohé! quelle mani, compare Salvatore Turiddu Macca".

Avete paura che vi mangi?

Paura non ho né di voi, né del vostro Dio.

Eh! vostra madre era di Licodia, lo sappiamo!
Avete il sangue rissoso!
Uh! che vi mangerei cogli occhi!

Mangiatemi pure cogli occhi, che briciole non ne faremo; ma intanto tiratemi su quel fascio.

Per voi tirerei su tutta la casa, tirerei!

Ella, per non farsi rossa, gli tirò un ceppo che aveva sottomano, e non lo colse per miracolo.

Spicciamoci, che le chiacchiere non ne affastellano sarmenti.

Se fossi ricco, vorrei cercarmi una moglie come voi, gnà Santa Lola.

Io non sposerò un re di corona come la gnà Lola, ma la mia dote ce l'ho anch'io, quando il Signore mi manderà qualcheduno.

Lo sappiamo che siete ricca, lo sappiamo!

Se lo sapete allora spicciatevi, ché il babbo sta per venire, e non vorrei farmi trovare nel cortile.

Il babbo cominciava a torcere il muso, ma la ragazza fingeva di non accorgersi, poiché la nappa del berretto del bersagliere gli aveva fatto il solletico dentro il cuore, e le ballava sempre dinanzi gli occhi.

Come il babbo mise Salvatore Turiddu Macca fuori dell'uscio, la figliuola gli aprì la finestra, e stava a chiacchierare con lui tutta la sera, che tutto il vicinato non parlava d'altro.

Per te impazzisco, diceva Salvatore Turiddu Macca, e perdo il sonno e l'appetito.

Chiacchiere.

Vorrei essere il figlio di Vittorio Emanuele per sposarti.

Chiacchiere.

Per la Madonna che ti mangerei come il pane.

Chiacchiere.

Ah! sull'onor mio.

Ah! mamma mia.

Lola che ascoltava ogni sera, nascosta dietro il vaso di basilico, e si faceva pallida e rossa, un giorno chiamò Salvatore Turiddu Macca.

E così, compare Turiddu, gli amici vecchi non si salutano più?

Ma! sospirò il giovinotto, beato chi può salutarvi!

Se avete intenzione di salutarmi, lo sapete dove sto di casa! rispose Lola.

Salvatore Turiddu Macca tornò a salutarla così spesso che Santa se ne avvide, e gli batté la finestra sul muso.

I vicini se lo mostravano con un sorriso, o con un moto del capo quando passava il bersagliere.

Il marito di Lola era in giro per le fiere con le sue mule.

Domenica voglio andare a confessarmi, ché stanotte ho sognato dell'uva nera, disse Lola.

"Lascia stare! lascia stare!", supplicava Salvatore Turiddu Macca.

No, ora che s'avvicina la Pasqua, mio marito lo vorrebbe sapere il perché non sono andata a confessarmi.

Ah! mormorava Santa di massaro Angelo Cola, aspettando ginocchioni il suo turno dinanzi al confessionario dove Lola stava facendo il bucato dei suoi peccati.

Sull'anima mia non voglio mandarti a Roma per la penitenza!

Compare Alfio tornò colle sue mule, carico di soldoni e portò in regalo alla moglie una bella veste nuova per le feste.

Avete ragione di portarle dei regali, gli disse la vicina Santa, perché mentre voi siete via vostra moglie vi adorna la casa!

Compare Alfio era di quei carrettieri che portano il berretto sull'orecchio, e a sentir parlare in tal modo di sua moglie cambiò di colore come se l'avessero accoltellato.

Santo diavolone! esclamò, se non avete visto bene, non vi lascierò gli occhi per piangere! a voi e a tutto il vostro parentado!

Non son usa a piangere! rispose Santa; non ho pianto nemmeno quando ho visto con questi occhi Salvatore Turiddu Macca della gnà Nunzia Macca entrare di notte in casa di vostra moglie.

"Va bene," rispose compare Alfio. "Grazie tante".

Salvatore Turiddu Macca, adesso che era tornato il gatto, non bazzicava più di giorno per la stradicciuola, e smaltiva l'uggia all'osteria, cogli amici; e la vigilia di Pasqua avevano sul desco un piatto di salsiccia.

Come entrò compare Alfio, soltanto dal modo in cui gli piantò gli occhi addosso,
Salvatore Turiddu Macca comprese che era venuto per quell'affare e posò la forchetta sul piatto.

"Avete comandi da darmi, compare Alfio?", gli disse.

"Nessuna preghiera, compare Salvatore Turiddu Macca, era un pezzo che non vi vedevo, e voleva parlarvi di quella cosa che sapete voi."

Salvatore Turiddu Macca da prima gli aveva presentato il bicchiere, ma compare Alfio lo scansò colla mano.

Allora Turiddu si alzò e gli disse:

"Son qui, compar Alfio."

Il carrettiere gli buttò le braccia al collo.

Se domattina volete venire
nei fichidindia della
----> Canziria potremo
parlare di quell'affare, compare.

Aspettatemi sullo stradone allo spuntar del sole, e ci andremo insieme.

Con queste parole si scambiarono
il bacio della sfida.

Salvatore Turiddu Macca strinse fra i denti
l'orecchio del carrettiere, e così gli fece promessa
solenne di non mancare.

Gli amici avevano lasciato la salciccia zitti zitti, e
accompagnarono Salvatore Turiddu Macca sino a casa.

La gnà Nunzia Macca, poveretta, I'aspettava sin tardi ogni sera.

"Mamma," le disse Turiddu, "vi rammentate quando sono andato soldato, che credevate non avessi a tornar più?"

"Datemi un bel bacio come allora, perché domattina andrò lontano."

Prima di giorno si prese il suo coltello a molla, che
aveva nascosto sotto il fieno quando era andato coscritto, e si mise in cammino pei fichidindia della Canziria.

"Oh! Gesummaria! dove andate con quella furia?" piagnucolava Lola sgomenta, mentre suo marito stava per uscire.

"Vado qui vicino," rispose compar Alfio, "ma per te sarebbe meglio che io non tornassi più."

Lola, in camicia, pregava ai piedi del letto e si stringeva sulle labbra il rosario che le aveva portato fra Bernardino dai Luoghi Santi, e recitava tutte le avemarie che potevano capirvi.

"Compare Alfio," cominciò Salvatore Turiddu Macca dopo che ebbe fatto un pezzo di strada accanto al suo compagno, il quale stava zitto, e col berretto sugli occhi.

Come è vero Iddio so che ho torto e mi lascierei ammazzare.

Ma prima di venir qui ho visto la mia vecchia che si era alzata per vedermi partire, col pretesto di governare il pollaio, quasi il cuore le parlasse, e quant'è vero Iddio vi ammazzerò come un cane per non far piangere la mia vecchierella.

"Così va bene," rispose compare Alfio, spogliandosi del farsetto, e picchieremo sodo tutt'e due.

Entrambi erano bravi tiratori.

Salvatore Turiddu Macca toccò la prima botta, e fu a tempo a prenderla nel braccio.

Come la rese, la rese buona, e tirò all'anguinaia.

"Ah! compare Turiddu! avete proprio intenzione di ammazzarmi!"

"Sì, ve l'ho detto; ora che ho visto la mia vecchia nel pollaio, mi pare di averla sempre dinanzi agli occhi."

"Apriteli bene, gli occhi!" gli gridò compar Alfio, che sto per rendervi la buona misura.

Come egli stava in guardia tutto raccolto per tenersi la sinistra sulla ferita, che gli doleva, e quasi strisciava per terra col gomito, acchiappò rapidamente una manata di polvere e la gettò negli occhi dell'avversario.

"Ah!", urlò Turiddu accecato, "son morto".

Ei cercava di

SALVARSI [Salvatore Turiddu Macca] facendo salti disperati all'indietro.

Ma compar Alfio lo raggiunse con un'altra botta nello stomaco e una terza nella gola.

"E tre! questa è per la casa che tu m'hai adornato. Ora tua madre lascierà stare le galline."

Salvatore Turiddu Macca annaspò un pezzo di qua e di là fra i fichidindia e poi cadde come un masso.

Il sangue gli gorgogliava spumeggiando nella gola, e non poté profferire nemmeno:

"Ah! mamma mia!"

Turiddu

Speranza

Verga

Cavalleria Rusticana

[Salvatore] Turiddu Macca, il figlio della gnà Nunzia, come tornò
da fare il soldato, ogni domenica si pavoneggiava in
piazza coll'uniforme da bersagliere e il berretto rosso,
che sembrava quello della buona ventura, quando
mette su banco colla gabbia dei canarini.

Le ragazze se lo rubavano cogli occhi, mentre andavano a messa col naso dentro la mantellina, e i monelli gli ronzavano attorno come le mosche.

Egli aveva portato anche una pipa col re a cavallo che pareva vivo, e accendeva gli zolfanelli sul dietro dei calzoni, levando la gamba, come se desse una pedata.

Ma con tutto ciò Lola di massaro Angelo [Cola] non si era fatta vedere né alla messa, né sul ballatoio ché si era fatta sposa con uno di Licodia, il quale faceva il carrettiere e aveva quattro muli di Sortino in stalla.

Dapprima Turiddu come lo seppe, santo diavolone! voleva trargli fuori le budella dalla pancia, voleva trargli, a quel di Licodia! però non ne fece nulla, e si sfogò coll'andare a cantare tutte le canzoni di sdegno che sapeva sotto la finestra della bella.

- Che non ha nulla da fare Turiddu della gnà Nunzia, dicevano i vicini, che passa le notti a cantare come una passera solitaria?

Finalmente s'imbatté in Lola che tornava dal viaggio alla Madonna del Pericolo, e al vederlo, non si fece né bianca né rossa quasi non fosse stato fatto suo.

- Beato chi vi vede! le disse.

- Oh, compare Turiddu, me l'avevano detto che siete tornato al primo del mese.

- A me mi hanno detto delle altre cose ancora! rispose lui. Che è vero che vi maritate con compare Alfio, il carrettiere?

- Se c'è la volontà di Dio! rispose Lola tirandosi sul mento le due cocche del fazzoletto.

- La volontà di Dio la fate col tira e molla come vi torna conto! E la volontà di Dio fu che dovevo tornare da tanto lontano per trovare ste belle notizie, gnà Lola!

Il poveraccio tentava di fare ancora il bravo, ma la voce gli si era fatta roca; ed egli andava dietro alla ragazza dondolandosi colla nappa del berretto che gli ballava di qua e di là sulle spalle. A lei, in coscienza, rincresceva di vederlo così col viso lungo, però non aveva cuore di lusingarlo con belle parole.

- Sentite, compare Turiddu, gli disse alfine, lasciatemi raggiungere le mie compagne. Che direbbero in paese se mi vedessero con voi?...

- E giusto, rispose Turiddu; ora che sposate compare Alfio, che ci ha quattro muli in stalla, non bisogna farla chiacchierare la gente. Mia madre invece, poveretta, la dovette vendere la nostra mula baia, e quel pezzetto di vigna sullo stradone, nel tempo ch'ero soldato. Passò quel tempo che Berta filava, e voi non ci pensate più al tempo in cui ci parlavamo dalla finestra sul cortile, e mi regalaste quel fazzoletto, prima d'andarmene, che Dio sa quante lagrime ci ho pianto dentro nell'andar via lontano tanto che si perdeva persino il nome del nostro paese. Ora addio, gnà Lola, facemu cuntu ca chioppi e scampau, e la nostra amicizia finiu.

La gnà Lola si maritò col carrettiere; e la domenica si metteva sul ballatoio, colle mani sul ventre per far vedere tutti i grossi anelli d'oro che le aveva regalati suo marito. Turiddu seguitava a passare e ripassare per la stradicciuola, colla pipa in bocca e le mani in tasca, in aria d'indifferenza, e occhieggiando le ragazze; ma dentro ci si rodeva che il marito di Lola avesse tutto quell'oro, e che ella fingesse di non accorgersi di lui quando passava. - Voglio fargliela proprio sotto gli occhi a quella cagnaccia! borbottava.

Di faccia a compare Alfio ci stava massaro Cola, il vignaiuolo, il quale era ricco come un maiale, dicevano, e aveva una figliuola in casa. Turiddu tanto disse e tanto fece che entrò camparo da massaro Cola, e cominciò a bazzicare per la casa e a dire le paroline dolci alla ragazza.

- Perché non andate a dirle alla gnà Lola ste belle cose? rispondeva Santa.

- La gnà Lola è una signorona! La gnà Lola ha sposato un re di corona, ora!

- Io non me li merito i re di corona.

- Voi ne valete cento delle Lole, e conosco uno che non guarderebbe la gnà Lola, né il suo santo, quando ci siete voi, ché la gnà Lola, non è degna di portarvi le scarpe, non è degna.

- La volpe quando all'uva non ci poté arrivare...

- Disse: come sei bella, racinedda mia!

- Ohé! quelle mani, compare Turiddu.

- Avete paura che vi mangi?

- Paura non ho né di voi, né del vostro Dio.

- Eh! vostra madre era di Licodia, lo sappiamo! Avete il sangue rissoso! Uh! che vi mangerei cogli occhi!

- Mangiatemi pure cogli occhi, che briciole non ne faremo; ma intanto tiratemi su quel fascio.

- Per voi tirerei su tutta la casa, tirerei!

Ella, per non farsi rossa, gli tirò un ceppo che aveva sottomano, e non lo colse per miracolo.

- Spicciamoci, che le chiacchiere non ne affastellano sarmenti.

- Se fossi ricco, vorrei cercarmi una moglie come voi, gnà Santa.

- Io non sposerò un re di corona come la gnà Lola, ma la mia dote ce l'ho anch'io, quando il Signore mi manderà qualcheduno.

- Lo sappiamo che siete ricca, lo sappiamo!

- Se lo sapete allora spicciatevi, ché il babbo sta per venire, e non vorrei farmi trovare nel cortile.

Il babbo cominciava a torcere il muso, ma la ragazza fingeva di non accorgersi, poiché la nappa del berretto del bersagliere gli aveva fatto il solletico dentro il cuore, e le ballava sempre dinanzi gli occhi. Come il babbo mise Turiddu fuori dell'uscio, la figliuola gli aprì la finestra, e stava a chiacchierare con lui tutta la sera, che tutto il vicinato non parlava d'altro.

Per te impazzisco, diceva Turiddu, e perdo il sonno e l'appetito.

- Chiacchiere.

- Vorrei essere il figlio di Vittorio Emanuele per sposarti!

- Chiacchiere.

- Per la Madonna che ti mangerei come il pane!

- Chiacchiere!

- Ah! sull'onor mio!

- Ah! mamma mia!

Lola che ascoltava ogni sera, nascosta dietro il vaso di basilico, e si faceva pallida e rossa, un giorno chiamò Turiddu.

- E così, compare Turiddu, gli amici vecchi non si salutano più?

- Ma! sospirò il giovinotto, beato chi può salutarvi!

- Se avete intenzione di salutarmi, lo sapete dove sto di casa! rispose Lola.

Turiddu tornò a salutarla così spesso che Santa se ne avvide, e gli batté la finestra sul muso. I vicini se lo mostravano con un sorriso, o con un moto del capo quando passava il bersagliere. Il marito di Lola era in giro per le fiere con le sue mule.

- Domenica voglio andare a confessarmi, ché stanotte ho sognato dell'uva nera, disse Lola.

- Lascia stare! lascia stare! supplicava Turiddu.

- No, ora che s'avvicina la Pasqua, mio marito lo vorrebbe sapere il perché non sono andata a confessarmi.

- Ah! mormorava Santa di massaro Cola, aspettando ginocchioni il suo turno dinanzi al confessionario dove Lola stava facendo il bucato dei suoi peccati. Sull'anima mia non voglio mandarti a Roma per la penitenza!

Compare Alfio tornò colle sue mule, carico di soldoni e portò in regalo alla moglie una bella veste nuova per le feste.

- Avete ragione di portarle dei regali, gli disse la vicina Santa, perché mentre voi siete via vostra moglie vi adorna la casa!

Compare Alfio era di quei carrettieri che portano il berretto sull'orecchio, e a sentir parlare in tal modo di sua moglie cambiò di colore come se l'avessero accoltellato. - Santo diavolone! esclamò, se non avete visto bene, non vi lascierò gli occhi per piangere! a voi e a tutto il vostro parentado!

- Non son usa a piangere! rispose Santa; non ho pianto nemmeno quando ho visto con questi occhi Turiddu della gnà Nunzia entrare di notte in casa di vostra moglie.

- Va bene, rispose compare Alfio, grazie tante.

Turiddu, adesso che era tornato il gatto, non bazzicava più di giorno per la stradicciuola, e smaltiva l'uggia all'osteria, cogli amici; e la vigilia di Pasqua avevano sul desco un piatto di salsiccia. Come entrò compare Alfio, soltanto dal modo in cui gli piantò gli occhi addosso, Turiddu comprese che era venuto per quell'affare e posò la forchetta sul piatto.

- Avete comandi da darmi, compare Alfio? gli disse.

- Nessuna preghiera, compare Turiddu, era un pezzo che non vi vedevo, e voleva parlarvi di quella cosa che sapete voi.

Turiddu da prima gli aveva presentato il bicchiere, ma compare Alfio lo scansò colla mano. Allora Turiddu si alzò e gli disse:

- Son qui, compar Alfio.

Il carrettiere gli buttò le braccia al collo.

- Se domattina volete venire nei fichidindia della Canziria potremo parlare di quell'affare, compare.

- Aspettatemi sullo stradone allo spuntar del sole, e ci andremo insieme.

Con queste parole si scambiarono il bacio della sfida. Turiddu strinse fra i denti l'orecchio del carrettiere, e così gli fece promessa solenne di non mancare.

Gli amici avevano lasciato la salciccia zitti zitti, e accompagnarono Turiddu sino a casa. La gnà Nunzia, poveretta, I'aspettava sin tardi ogni sera.

- Mamma, le disse Turiddu, vi rammentate quando sono andato soldato, che credevate non avessi a tornar più? Datemi un bel bacio come allora, perché domattina andrò lontano.

Prima di giorno si prese il suo coltello a molla, che aveva nascosto sotto il fieno quando era andato coscritto, e si mise in cammino pei fichidindia della Canziria.

- Oh! Gesummaria! dove andate con quella furia? piagnucolava Lola sgomenta, mentre suo marito stava per uscire.

- Vado qui vicino, rispose compar Alfio, ma per te sarebbe meglio che io non tornassi più.

Lola, in camicia, pregava ai piedi del letto e si stringeva sulle labbra il rosario che le aveva portato fra Bernardino dai Luoghi Santi, e recitava tutte le avemarie che potevano capirvi.

- Compare Alfio, cominciò Turiddu dopo che ebbe fatto un pezzo di strada accanto al suo compagno, il quale stava zitto, e col berretto sugli occhi. Come è vero Iddio so che ho torto e mi lascierei ammazzare. Ma prima di venir qui ho visto la mia vecchia che si era alzata per vedermi partire, col pretesto di governare il pollaio, quasi il cuore le parlasse, e quant'è vero Iddio vi ammazzerò come un cane per non far piangere la mia vecchierella.

- Così va bene, rispose compare Alfio, spogliandosi del farsetto, e picchieremo sodo tutt'e due.

Entrambi erano bravi tiratori; Turiddu toccò la prima botta, e fu a tempo a prenderla nel braccio; come la rese, la rese buona, e tirò all'anguinaia.

- Ah! compare Turiddu! avete proprio intenzione di ammazzarmi!

- Sì, ve l'ho detto; ora che ho visto la mia vecchia nel pollaio, mi pare di averla sempre dinanzi agli occhi.

- Apriteli bene, gli occhi! gli gridò compar Alfio, che sto per rendervi la buona misura.

Come egli stava in guardia tutto raccolto per tenersi la sinistra sulla ferita, che gli doleva, e quasi strisciava per terra col gomito, acchiappò rapidamente una manata di polvere e la gettò negli occhi dell'avversario.

- Ah! urlò Turiddu accecato, son morto.

Ei cercava di salvarsi facendo salti disperati all'indietro; ma compar Alfio lo raggiunse con un'altra botta nello stomaco e una terza nella gola.

- E tre! questa è per la casa che tu m'hai adornato. Ora tua madre lascierà stare le galline.

Turiddu annaspò un pezzo di qua e di là fra i fichidindia e poi cadde come un masso. Il sangue gli gorgogliava spumeggiando nella gola, e non poté profferire nemmeno: - Ah! mamma mia!




This Site © 1999-2010 Erik Bruchez. All Rights Reserved.
Powered by Orbeon Forms - internetVista® monitoring

"Apri la tua finestra" -- first "Osaka" (Jor, figlio del Sole): Fernando de Lucia

Speranza

"Iris" is an opera in three acts, by Mascagni.

Words by Luigi Illica.

Produced Constanzi Theatre. Rome, November 22, 1898.

Revised version, La Scala, Milan, 1899.

Philadelphia, October 14, 1902, and
Metropolitan Opera House, New York, October 16, 1902, under the composer’s direction (Marie Farneti, as "Iris").

Metropolitan Opera House, 1908, with Eames (Iris), Errico Caruso (Osaka), Scotti, and Journet; April 3, 1915, Bori, Botta, and Scotti.

CHARACTERS

IL CIECO, the blind man……………………… Bass
IRIS, his daughter……………………………… Soprano
OSAKA, ossia Jor, il figlio del Sole ………………………………………… Tenore ----- Fernando de Lucia
KYOTO, a takiomati………………………….. Baritone
Ragpickers,
shopkeepers,
geishas, mousmés (laundry girls),
sumarai, citizens, strolling players,
three women representing Beauty, Death, and the Vampire; a young girl.

Time: Nineteenth century.
Place: Japan.

Act I.

The home of Iris near the city.

The hour is before dawn.

The music depicts the passage from night into day.

It rises to a crashing climax -- the instrumentation including tamtams, cymbals, drums, and bells -- while voices reiterate,

"Calore! Luce! Amor!" (Warmth! Light! Love!).

In warmth and light there are love and life.

A naturalistic philosophy, to which this opening gives the key, runs through "Iris."

Fujiyama glows in the early morning light, as Iris, who loves only her blind father, comes to the door of her cottage.

Iris has dreamed that a monster, an octopus, sought to injure her doll, asleep under a rosebush.

With the coming of the sun the octopus has fled.

Mousmés come to the bank of the stream and sing prettily over their work.

Iris is young and beautiful.

She is desired by Osaka, a wealthy rake.

Kyoto, keeper of a questionable resort, plots to obtain her for him.

He comes to her cottage with a marionette show.

While Iris is intent upon the performance, three geisha girls, representing Beauty, Death, and the Vampire, dance about her.

They conceal her from view by spreading their skirts.

She is seized and carried off.

Osaka, by leaving money for the blind old father, makes the abduction regal.

When Il Cieco returns, he is led to believe that his daughter has gone voluntarily to the Yoshiwara.

In a rage he starts out to find her.

Act II.

Interior of the "Green House" in the Yoshiwara.

Iris awakens.

At first she thinks it is an awakening after death.

But death brings paradise, while she is unhappy.

Osaka, who has placed jewels beside her, comes to woo, but vainly seeks to arouse her passions.

In her purity she remain unconscious of the significance of his words and caresses.

His brilliant attire leads her to mistake him for Tor, the sun god, but he tells her he is Pleasure.

That frightens her.

For, as she narrates to him, one day, in the temple, a priest told her that pleasure and death were one.

Osaka wearies of her innocence and leaves her.

But Kyoto, wishing to lure him back, attires her in transparent garments and places her upon a balcony.

The crowd in the street cries out in amazement over her beauty.

Again Osaka wishes to buy her.

She hears her father’s voice.

Joyously she makes her presence known to him.

The blind man, ignorant of her abduction and believing her a voluntary inmate of the "Green House," takes a handful of mud from the street, flings it at her, and curses her.

In terror, she leaps from a window into the sewer below.

Act III.

Ragpickers and scavengers are dragging the sewer before daylight.

In song they mock the moon.

A flash of light from the mystic mountain awakens what is like an answering gleam in the muck.

They discover and drag out the body of Iris.

They begin to strip her jewels.

She shows signs of life.

The sordid men and women flee.

The rosy light from Fujiyama spreads over the sky.

Warmth and light come once more.

Iris regains consciousness.

Spirit voices whisper of earthly existence and its selfish aspirations typified by the knavery of Kyoto, the lust of Osaka, the desire of Iris’s father, Il Cieco, for the comforts of life through her ministrations.

Enough strength comes back to her for her to acclaim the sanctity of the sun.

In its warmth and light -- the expression of Nature’s love -- she sinks, as if to be absorbed by Nature, into the blossoming field that spreads about her.

Again, as in the beginning, there is the choired tribute to warmth, light, love -- the sun!

Partly sordid, partly ethereal in its exposition,
the significance of this story has escaped Mascagni, save in the climax of the opening allegory of the work.

Elsewhere he employs instruments associated by us
with Oriental music, but
the spirit of the Orient is lacking.

In a score requiring subtlety of invention, skill in instrumentation, and, in general, the gift for poetic expression in music, these qualities are not.

The scene of the mousmés in the first act with Iris’s song to the flowers of her garden, "In pure stille"; the vague, yet unmistakable hum of Japanese melody in the opening of Act II; and her narrative in the scene with Osaka in the same act, "Un di al tempio" (One day at the temple) -- these, with the hymn to the sun, are about the only passages that require mention.

NOT TO MENTION the tenor's bright aria, "Apri la tua finestra."

Tuesday, March 27, 2012

Pietosa

Speranza


Tuesday, March 27, 2012




Regina coeli laetare, alleluja, quia quem meruiste portare, resurrexit sicut dixit



Speranza

Latin lyrics to the 'verse' of the Intermezzo.

Regina coeli laetare.
Alleluja!
Quia quem meruisti portare.
Alleluja!
Resurrexit sicut dixit.
Alleluja!


Posted by J. L. Speranza, Esq. at 8:41 AM 0 comments






Reactions:






Pietosa, tu che sofriste tanto



Speranza


Cavalleria Rusticana: melodramma in un atto
Libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci
tratto dalla novella di Giovanni Verga dallo stesso titolo
Musica di Pietro Mascagni


Personaggi

Santuzza, una giovane contadina (a peasant girl) [soprano]
Turiddu, un giovane contadino (a young peasant) [tenore]
Lucia, sua madre (his mother) [soprano]
Alfio, un carrettiere (a carter) [baritono]
Lola, sua moglie (his wife) [mezzosoprano]

La scena rappresenta una piazza in un paese della Sicilia.

Nel fondo, a destra, chiesa con porta praticabile.

A sinistra l'osteria e la casa di Mamma Lucia.

È il giorno di Pasqua.

Siciliana

TURIDDU (a sipario calato)

O Lola ch'ai di latti la cammisa
Si bianca e russa comu la cirasa,
Quannu t'affacci fai la vucca a risa,
Biato cui ti dà lu primu vasu!
Ntra la porta tua lu sangu è sparsu,
E nun me mporta si ce muoru accisu...
E s'iddu muoru e vaju mparadisu
Si nun ce truovo a ttia, mancu ce trasu.

Scena. La scena sul principio è vuota. Albeggia.
Coro d'introduzione

DONNE (di dentro)

Gli aranci olezzano
Sui verdi margini,
Cantan le allodole
Tra i mirti in fior;
Tempo è si mormori
Da ognuno il tenero
Canto che i palpiti
Raddoppia al cor.

(Le donne entrano in scena.)

UOMINI (di dentro)

In mezzo al campo
Tra le spiche d'oro
Giunge il rumor
Delle vostre spole,
Noi stanchi
Riposando dal lavoro
A voi pensiam,
O belle occhi-di-sole.
A voi corriamo
Come vola l'augello
Al suo richiamo.

(Gli uomini entrano in scena.)

DONNE

Cessin le rustiche
Opre: la Vergine
Serena allietasi
Del Salvator;
Tempo è si mormori
Da ognuno il tenero
Canto che i palpiti
Raddoppia al cor.

(Il coro attraversa la scena ed esce.)

Scena. Santuzza e Lucia

SANTUZZA (entrando)

Dite, mamma Lucia.

LUCIA (sorpresa)

Sei tu? Che vuoi?

SANTUZZA

Turiddu ov'è?

LUCIA: Fin qui vieni a cercare
Il figlio mio?

SANTUZZA: Voglio saper soltanto,
Perdonatemi voi, dove trovarlo.

LUCIA: Non lo so, non lo so,
Non voglio brighe!

SANTUZZA: Mamma Lucia, vi supplico piangendo,
Fate come il Signore a Maddalena,
Ditemi per pietà dov'è Turiddu...

LUCIA: È andato per il vino a Francofonte.

SANTUZZA: No! l'han visto in paese ad alta notte.

LUCIA: Che dici? Se non è tornato a casa! (avviandosi verso l'uscio di casa). Entra!

SANTUZZA (disperata): Non posso entrare in casa vostra. Sono scomunicata.

LUCIA: E che ne sai del mio figliolo?

SANTUZZA: Quale spina ho in core.

Sortita di Alfio con Coro. Alfio, Coro e dette

ALFIO:
Il cavallo scalpita,
I sonagli squillano,
Schiocca la frusta. E va!
Soffi il vento gelido,
Cada l'acqua o nevichi,
A me che cosa fa?

CORO
O che bel mestiere
Fare il carrettiere
Andar di qua e di là!

ALFIO
M'aspetta a casa Lola
Che m'ama e mi consola,
Ch'è tutta fedeltà.
Il cavallo scalpiti,
I sonagli squillino,
E Pasqua, ed io son qua!

Scena e preghiera

LUCIA: Beato voi, compar Alfio, che siete sempre allegro così!

ALFIO: Mamma Lucia,
N'avete ancora
Di quel vecchio vino?

LUCIA: Non so. Turiddu è andato a provvederne.

ALFIO: Se è sempre qui! L'ho visto stamattina vicino a casa mia.

LUCIA (sorpresa): Come?

SANTUZZA (rapidamente): Tacete. (Dalla chiesa odesi intonare l'Alleluja.)

ALFIO

Io me ne vado,
Ite voi altre in chiesa.

(Esce.)

CORO
(interno della chiesa)

Regina coeli laetare.
Alleluja!
Quia quem meruisti portare.
Alleluja!
Resurrexit sicut dixit.
Alleluja!

SANTUZZA, LUCIA E CORO ESTERNO
(sulla piazza)

Inneggiamo,
Il Signor non è morto,
Ei fulgente
Ha dischiuso l'avel,
Inneggiam
Al Signore risorto
Oggi asceso
Alla gloria del Ciel!

CORO
(interno della chiesa)

Ora pro nobis Deum.
Alleluja!
Gaude et laetare, Virgo Maria.
Alleluja!
Quia surrexit Dominus vere.
Alleluja!

(Tutti entrano in chiesa tranne Santuzza e Lucia.)

Romanza e Scena

Lucia e Santuzza

LUCIA

Perché m'hai fatto
Segno di tacere?

SANTUZZA

Voi lo sapete, o mamma,
Prima d'andar soldato,
Turiddu aveva a Lola
Eterna fè giurato.
Tornò, la seppe sposa;
E con un nuovo amore
Volle spegner la fiamma
Che gli bruciava il core:
M'amò, l'amai.
Quell'invidia d'ogni delizia mia,
Del suo sposo dimentica,
Arse di gelosia...
Me l'ha rapito...
Priva dell'onor mio rimango:
Lola e Turiddu s'amano,
Io piango, io piango!

LUCIA

Miseri noi,
Che cosa vieni a dirmi
In questo santo giorno?

SANTUZZA

Io son dannata.
Andate o mamma,
Ad implorare Iddio,
E pregate per me.
Verrà Turiddu,
Vo' supplicarlo
Un'altra volta ancora!

LUCIA
(avvicinandosi alla chiesa)

Aiutatela voi,
Santa Maria!

(Esce.)

Scena

Santuzza e Turiddu

TURIDDU
(entrando)

Tu qui, Santuzza?

SANTUZZA

Qui t'aspettavo.

TURIDDU

È Pasqua,
In chiesa non vai?

SANTUZZA

Non vo.
Debbo parlarti...

TURIDDU

Mamma cercavo.

SANTUZZA

Debbo parlarti...

TURIDDU

Qui no! Qui no!

SANTUZZA

Dove sei stato?

TURIDDU

Che vuoi tu dire?
A Francofonte!

SANTUZZA

No, non è ver!

TURIDDU

Santuzza, credimi...

SANTUZZA

No, non mentire;
Ti vidi volger
Giù dal sentier...
E stamattina, all'alba,
T'hanno scorto
Presso l'uscio di Lola.

TURIDDU

Ah! mi hai spiato?

SANTUZZA

No, te lo giuro.
A noi l'ha raccontato
Compar Alfio
Il marito, poco fa.

TURIDDU

Cosi ricambi
L'amor che ti porto?
Vuoi che m'uccida?

SANTUZZA

Oh! questo non lo dire...

TURIDDU

Lasciami dunque, lasciami;
Invan tenti sopire
Il giusto sdegno
Colla tua pietà.

SANTUZZA

Tu l'ami dunque?

TURIDDU

No...

SANTUZZA

Assai più bella
È Lola.

TURIDDU

Taci, non l'amo.

SANTUZZA

L'ami...
Oh! maledetta!

TURIDDU

Santuzza!

SANTUZZA

Quella cattiva femmina
Ti tolse a me!

TURIDDU

Bada, Santuzza,
Schiavo non sono
Di questa vana
Tua gelosia!

SANTUZZA

Battimi, insultami,
T'amo e perdono,
Ma è troppo forte
L'angoscia mia.

Stornello di Lola

Lola e detti

LOLA
(dentro alla scena)

Fior di giaggiolo,
Gli angeli belli
Stanno a mille in cielo,
Ma bello come lui
Ce n'è uno solo.

(entrando)

Oh! Turiddu... È passato Alfio?

TURIDDU

Son giunto ora in piazza.
Non so...

LOLA

Forse è rimasto
Dal maniscalco,
Ma non può tardare.

(ironica)

E... voi
Sentite le funzioni in piazza?

TURIDDU

Santuzza mi narrava...

SANTUZZA
(tetra)

Gli dicevo che oggi è Pasqua
E il Signor vede ogni cosa!

LOLA

Non venite alla messa?

SANTUZZA

Io no, ci deve andar chi sa
Di non aver peccato.

LOLA

Io ringrazio il Signore
E bacio in terra.

SANTUZZA
(ironica)



Oh, fate bene, Lola!

TURIDDU
(a Lola)

Andiamo, andiamo!
Qui non abbiam che fare.

LOLA
(ironica)

Oh! rimanete!

SANTUZZA
(a Turiddu)

Sì, resta, resta,
Ho da parlarti ancora!

LOLA

E v'assista il Signore:
Io me ne vado.

(Entra in chiesa.)

Duetto

Santuzza e Turiddu

TURIDDU
(irato)

Ah! lo vedi,
Che hai tu detto...?

SANTUZZA

L'hai voluto, e ben ti sta.

TURIDDU
(Le s'avventa.)

Ah! perdio!

SANTUZZA

Squarciami il petto!

TURIDDU
(s'avvia)

No!

SANTUZZA
(trattenendolo)

Turiddu, ascolta!

TURIDDU

No!

SANTUZZA

No, no, Turiddu,
Rimani ancora.
Abbandonarmi
Dunque tu vuoi?

TURIDDU

Perché seguirmi,
Perché spiarmi
Sul limitare
Fin della chiesa?

SANTUZZA

La tua Santuzza
Piange e t'implora;
Come cacciarla
Così tu puoi?

TURIDDU

Va, ti ripeto
Va non tediarmi,
Pentirsi è vano
Dopo l'offesa!

SANTUZZA
(minacciosa)

Bada!

TURIDDU

Dell'ira tua non mi curo!

(La getta a terra e fugge in chiesa.)

SANTUZZA
(nel colmo dell'ira)

A te la mala Pasqua, spergiuro!

(Cade affranta ed angosciata.)

Duetto

Santuzza e Alfio

(Sorte Alfio e s'incontra con Santuzza.)

SANTUZZA

Oh! Il Signore vi manda
Compar Alfio.

ALFIO

A che punto è la messa?

SANTUZZA

E tardi ormai, ma per voi
Lola è andata con Turiddu!

ALFIO
(sorpreso)

Che avete detto?

SANTUZZA

Che mentre correte
All'acqua e al vento
A guadagnarvi il pane,
Lola v'adorna il tetto
In malo modo!

ALFIO

Ah! nel nome di Dio,
Santa, che dite?

SANTUZZA

Il ver. Turiddu
Mi tolse l'onore,
E vostra moglie
Lui rapiva a me!

ALFIO

Se voi mentite,
Vo' schiantarvi il core!

SANTUZZA

Uso a mentire
Il labbro mio non è!
Per la vergogna mia,
Pel mio dolore
La triste verità
Vi dissi, ahimè!

ALFIO

Comare Santa,
Allor grato vi sono.

SANTUZZA

Infame io son
Che vi parlai cosi!

ALFIO

Infami loro:
Ad essi non perdono;
Vendetta avrò
Pria che tramonti il di.
Io sangue voglio,
All'ira m'abbandono,
In odio tutto
L'amor mio finì...

(Escono.)

Intermezzo sinfonico

(Tutti escono di chiesa, Lucia traversa la scena ed entra in casa.)

Scena, Coro e Brindisi

Lola, Turiddu e Coro

UOMINI

A casa, a casa,
Amici, ove ci aspettano
Le nostre donne,
Andiam.
Or che letizia
Rasserena gli animi
Senza indugio corriam.

DONNE

A casa, a casa,
Amiche, ove ci aspettano
I nostri sposi,
Andiam .
Or che letizia
Rasserena gli animi
Senza indugio corriam.

(Il coro si avvia.)

TURIDDU
(a Lola che s'avvia)

Comare Lola,
Ve ne andate via
Senza nemmeno salutare?

LOLA

Vado a casa:
Non ho visto compar Alfio!

TURIDDU

Non ci pensate,
Verrà in piazza.

(al Coro)

Intanto amici, qua,
Beviamone un bicchiere.

(Tutti si avvicinano alla tavola dell'osteria e prendono i bicchieri.)

Viva il vino spumeggiante
Nel bicchiere scintillante,
Come il riso dell'amante
Mite infonde il giubilo!
Viva il vino ch'è sincero
Che ci allieta ogni pensiero,
E che annega l'umor nero,
Nell'ebbrezza tenera.

CORO

Viva il vino spumeggiante, ecc.

(Si riprende il brindisi.)

TURIDDU
(a Lola)

Ai vostri amori!

(Beve.)

LOLA
(a Turiddu)

Alla fortuna vostra!

(Beve.)

TURIDDU

Beviam!

CORO

Beviam! Viva il vin!

(Entra Alfio.)

Finale

Alfio e detti

ALFIO

A voi tutti salute!

CORO

Compar Alfio, salute.

TURIDDU

Benvenuto!
Con noi dovete bere:

(Empie un bicchiere.)

Ecco, pieno è il bicchiere.

ALFIO
(respingendolo)

Grazie, ma il vostro vino
Io non l'accetto.
Diverrebbe veleno
Entro il mio petto.

TURIDDU
(Getta il vino.)

A piacer vostro!

LOLA

Ahimè! che mai sarà?

ALCUNE DONNE
(a Lola)

Comare Lola,
Andiamo via di qua.

(Tutte le donne escono conducendo Lola)

TURIDDU

Avete altro a dirmi?

ALFIO

Io? Nulla!

TURIDDU

Allora sono agli ordini vostri.

ALFIO

Or ora?

TURIDDU

Or ora!

(Alfio e Turiddu si abbracciano. Turiddu morde l'orecchio destro di AIfio.)

ALFIO

Compare Turiddu,
Avete morso a buono...

(con intenzione)

C'intenderemo bene,
A quel che pare!

TURIDDU

Compar Alfio!
Lo so che il torto è mio:
E ve lo giuro
Nel nome di Dio
Che al par d'un cane
Mi farei sgozzar,
Ma... s'io non vivo,
Resta abbandonata...
Povera Santa!...
Lei che mi s'è data...

(con impeto)

Vi saprò in core
Il ferro mio piantar!

ALFIO
(freddamente)

Compare,
Fate come più vi piace;
Io v'aspetto qui fuori
Dietro l'orto.

(Esce.)

Lucia e Turiddu

TURIDDU

Mamma,
Quel vino è generoso, e certo
Oggi troppi bicchieri
Ne ho tracannati...
Vado fuori all'aperto.
Ma prima voglio
Che mi benedite
Come quel giorno
Che partii soldato.
E poi... mamma... sentite...
S'io... non tornassi...
Voi dovrete fare
Da madre a Santa,
Ch'io le avea giurato
Di condurla all'altare.

LUCIA

Perché parli così, figliuol mio?

TURIDDU

Oh! nulla!
È il vino che mi ha suggerito!
Per me pregate Iddio!
Un bacio, mamma...
Un altro bacio... addio!

(L'abbraccia ed esce precipitosamente.)

Lucia, Santuzza e Coro

LUCIA
(disperata, correndo in fondo)

Turiddu?! Che vuoi dire?
Turiddu? Turiddu? Ah!

(Entra Santuzza.)

Santuzza!...

SANTUZZA
(Getta la braccia al collo di Lucia.)

Oh! madre mia!

(Si sente un mormorio lontano.)

DONNE


(correndo)

Hanno ammazzato compare Turiddu!

(Tutti gettano un grido.)




This Site © 1999-2010 Erik Bruchez. All Rights Reserved.
Powered by Orbeon Forms - internetVista® monitoring

Monday, March 26, 2012

Andrioli (Stagno), primo Turiddu

Speranza

Stagno, primo Turiddu

Speranza

ATTO UNICO


Scena Prima
Siciliana




A sipario calato.









[N. 1 - Siciliana]
















TURIDDU






O Lola ch'hai di latti la cammisa

si bianca e russa comu la cirasa,
quannu t'affacci fai la vucca a risa,
biatu pi lu primu cu ti vasa!

Ntra la porta tua lu sangu è sparsu,

e nun me mpuorta si ce muoru accisu...
e si ce muoru e vaju'n paradisu
si nun ce truovo a ttia, mancu ce trasu.





















ATTO UNICO


scena
Seconda




La scena sul principio è vuota. Albeggia.









[N. 2 - Coro d'introduzione]
















DONNE
(di dentro)






Gli aranci olezzano

sui verdi margini,
cantan le allodole
tra i mirti in fior;

tempo è si mormori

da ognuno il tenero
canto che i palpiti
raddoppia al cor.






Le Donne entrano in scena.
















UOMINI
(di dentro)






In mezzo al campo tra le spighe d'oro

giunge il rumor delle vostre spole,
noi stanchi riposando dal lavoro
a voi pensiam, o belle occhi-di-sole.
O belle occhi-di-sole a voi corriamo
come vola l'augello al suo richiamo.






Gli Uomini entrano in scena.
















DONNE






Cessin le rustiche

opre: la vergine
serena allietasi
del salvator;

tempo è si mormori

da ognuno il tenero
canto che i palpiti
raddoppia al cor.






Il Coro attraversa la scena ed esce.



















ATTO UNICO


scena
Terza




Santuzza e Lucia.









[N. 3 - Scena]











SANTUZZA




(entrando)

Dite, mamma Lucia...




LUCIA
(sorpresa)




Sei tu? Che vuoi?




SANTUZZA




Turiddu ov'è?




LUCIA




Fin qui vieni a cercare

il figlio mio?




SANTUZZA




Voglio saper soltanto,

perdonatemi voi, dove trovarlo.




LUCIA




Non lo so, non lo so, non voglio brighe!




SANTUZZA




Mamma Lucia, vi supplico piangendo,
fate come il signore a Maddalena,
ditemi per pietà dov'è Turiddu...




LUCIA




È andato per il vino a Francofonte.




SANTUZZA




No! l'han visto in paese ad alta notte.




LUCIA




Che dici? se non è tornato a casa!

(avviandosi verso l'uscio di casa)

Entra!




SANTUZZA
(disperata)




Non posso entrare in casa vostra...

Sono scomunicata!




LUCIA




E che ne sai

del mio figliolo?




SANTUZZA




Quale spina ho in core!




















ATTO UNICO


scena
Quarta




Alfio, Coro e dette.









[N. 4 - Sortita di Alfio con Coro]
















ALFIO






Il cavallo scalpita,

i sonagli squillano,
schiocca la frusta. Ehi là!
Soffi il vento gelido,
cada l'acqua o nevichi,
a me che cosa fa?













CORO




O che bel mestiere

fare il carrettiere
andar di qua e di là!

















ALFIO






M'aspetta a casa Lola

che m'ama e mi consola,
ch'è tutta fedeltà.
Il cavallo scalpiti,
i sonagli squillino,
è Pasqua, ed io son qua!













CORO




O che bel mestiere

fare il carrettiere
andar di qua e di là!









[N. 5 - Scena e preghiera]











LUCIA




Beato voi, compar Alfio, che siete
sempre allegro così!




ALFIO




Mamma Lucia,

n'avete ancora di quel vecchio vino?




LUCIA




Non so; Turiddu è andato a provvederne.




ALFIO




Se è sempre qui! ~ L'ho visto stamattina
vicino a casa mia.




LUCIA
(sorpresa)




Come?




SANTUZZA
(rapidamente)




Tacete.









(dalla chiesa odesi intonare l'Alleluia)







ALFIO




Io me ne vado, ite voi altre in chiesa.

(esce)












CORO
interno (dalla chiesa)




Regina coeli laetare. ~

Alleluia!

Quia quem meruisti portare. ~

Alleluia!

Resurrexit sicut dixit. ~

Alleluia!












CORO
esterno (sulla piazza)




Inneggiamo, il signor non è morto,
ei fulgente ha dischiuso l'avel,
inneggiam al signore risorto
oggi asceso alla gloria del ciel!












CORO
interno (dalla chiesa)




Ora pro nobis Deum. ~

Alleluia!

Gaude et laetare, Virgo Maria. ~

Alleluia!

Quia surrexit Dominus vere. ~

Alleluia!









Tutti entrano in chiesa tranne Santuzza e Lucia.



















ATTO UNICO


scena
Quinta




Lucia e Santuzza.









[N. 6 - Romanza e Scena]











LUCIA




Perché m'hai fatto segno di tacere?

















SANTUZZA






Voi lo sapete, o mamma, prima d'andar soldato,

Turiddu aveva a Lola eterna fé giurato.

Tornò, la seppe sposa; e con un nuovo amore

volle spegner la fiamma che gli bruciava il core:

m'amò, l'amai. Quell'invidia d'ogni delizia mia,

del suo sposo dimentica, arse di gelosia...

Me l'ha rapito... Priva dell'onor mio rimango:

Lola e Turiddu s'amano, io piango, io piango!













LUCIA




Miseri noi, che cosa vieni a dirmi
in questo santo giorno?




SANTUZZA




Io son dannata.

Andate o mamma, ad implorare iddio,
e pregate per me. ~ Verrà Turiddu,
vo' supplicarlo un'altra volta ancora!




LUCIA




(avvicinandosi alla chiesa)

Aiutatela voi, santa Maria!

(esce)




















ATTO UNICO


scena
Sesta




Santuzza e Turiddu.









[N. 7 - Scena]











TURIDDU




(entrando)

Tu qui, Santuzza?




SANTUZZA




Qui t'aspettavo.




TURIDDU




È Pasqua, in chiesa non vai?




SANTUZZA




Non vo.

Debbo parlarti...




TURIDDU




Mamma cercavo.




SANTUZZA




Debbo parlarti...




TURIDDU




Qui no! Qui no!




SANTUZZA




Dove sei stato?




TURIDDU




Che vuoi tu dire?

A Francofonte!




SANTUZZA




No, non è ver!




TURIDDU




Santuzza, credimi...




SANTUZZA




No, non mentire;

ti vidi volger giù dal sentier...
E stamattina, all'alba, t'hanno scorto
presso l'uscio di Lola.




TURIDDU




Ah! mi hai spiato?




SANTUZZA




No, te lo giuro. A noi l'ha raccontato
compar Alfio, il marito, poco fa.




TURIDDU




Così ricambi l'amor che ti porto?
Vuoi che m'uccida?




SANTUZZA




Oh! questo non lo dire...




TURIDDU




Lasciami dunque, invan tenti sopire
il giusto sdegno co' la tua pietà.




SANTUZZA




Tu l'ami dunque?




TURIDDU




No...




SANTUZZA




Assai più bella

è Lola.




TURIDDU




Taci, non l'amo.




SANTUZZA




L'ami...

Oh! maledetta!




TURIDDU




Santuzza!




SANTUZZA




Quella

cattiva femmina ti tolse a me!




TURIDDU




Bada, Santuzza, schiavo non sono
di questa vana tua gelosia!




SANTUZZA




Battimi, insultami, t'amo e perdono,
ma è troppo forte l'angoscia mia.




















ATTO UNICO


scena
Settima




Lola e detti.









[N. 8 - Stornello di Lola]











LOLA
(dentro la scena)




Fior di giaggiolo,
gli angeli belli stanno a mille in cielo,
ma bello come lui ce n'è uno solo.





(entrando)







LOLA
(sarcastica)




Oh! Turiddu... è passato Alfio?




TURIDDU
(impacciato)




Son giunto

ora in piazza. Non so...




LOLA




Forse è rimasto

dal maniscalco, ma non può tardare.

(ironica)

E... voi... sentite le funzioni in piazza?




TURIDDU




Santuzza mi narrava...




SANTUZZA
(tetra)




Gli dicevo

che oggi è Pasqua e il signor vede ogni cosa!




TURIDDU




Non venite alla messa?




SANTUZZA




Io no, ci deve

andar chi sa di non aver peccato.




LOLA




Io ringrazio il signore e bacio in terra!




SANTUZZA
(ironica)




Oh, fate bene, Lola!




TURIDDU
(a Lola)




Andiamo, andiamo!

Qui non abbiam che fare.




LOLA
(ironica)




Oh! rimanete!




SANTUZZA
(a Turiddu)




Sì, resta, resta, ho da parlarti ancora!




LOLA




E v'assista il signore: io me ne vado.

(entra in chiesa)




















ATTO UNICO


scena
Ottava




Santuzza e Turiddu.









[N. 9 - Duetto]











TURIDDU
(irato)




Ah! lo vedi, che hai tu detto...?




SANTUZZA




L'hai voluto, e ben ti sta.




TURIDDU




(le s'avventa)

Ah! perdio!




SANTUZZA




Squarciami il petto!




TURIDDU




(s'avvia)

No!




SANTUZZA




(trattenendolo)

Turiddu, ascolta!




TURIDDU




Va'!















[Insieme]









TURIDDU






Perché seguirmi, ~ perché spiarmi

sul limitare ~ fin della chiesa?














SANTUZZA






No, no, Turiddu, ~ rimani ancora.

Abbandonarmi ~ dunque tu vuoi?


















SANTUZZA




La tua Santuzza ~ piange e t'implora;

come cacciarla ~ così tu puoi?




TURIDDU




Va', ti ripeto ~ va' non tediarmi,

pentirsi è vano ~ dopo l'offesa!












SANTUZZA
(minacciosa)




Bada!




TURIDDU




Dell'ira tua non mi curo!

(la getta a terra e fugge in chiesa)




SANTUZZA




(nel colmo dell'ira)

A te la mala Pasqua, spergiuro!

(cade affranta ed angosciata)




















ATTO UNICO


scena
Nona




Santuzza e Alfio.









[N. 10 - Duetto]








Entra Alfio e s'incontra con Santuzza.











SANTUZZA




Oh! Il signore vi manda compar Alfio.




ALFIO




A che punto è la messa?




SANTUZZA




È tardi ormai,

ma per voi, Lola è andata con Turiddu!




ALFIO
(sorpreso)




Che avete detto?




SANTUZZA




Che mentre correte

all'acqua e al vento a guadagnarvi il pane,
Lola v'adorna il tetto in malo modo!




ALFIO




Ah! nel nome di dio, Santa, che dite?




SANTUZZA




Il ver. Turiddu mi tolse l'onore,
e vostra moglie lui rapiva a me!




ALFIO




Se voi mentite, vo' schiantarvi il core!




SANTUZZA




Uso a mentire il labbro mio non è!
Per la vergogna mia, pe 'l mio dolore
la triste verità vi dissi, ahimè!




ALFIO




Comare Santa, allor grato vi sono.




SANTUZZA




Infame io son che vi parlai così!




ALFIO




Infami loro: ad essi non perdono;
vendetta avrò pria che tramonti il dì.
Io sangue voglio, all'ira m'abbandono,
in odio tutto l'amor mio finì...





(escono)
























[N. 11 - Intermezzo sinfonico]



































ATTO UNICO


scena
Decima




Lola, Turiddu e Coro.









[N. 12 - Scena, Coro e Brindisi]








Tutti escono di chiesa, Lucia traversa la scena ed entra in casa.














[Insieme]









DONNE






A casa, a casa, amiche, ove ci aspettano

i nostri sposi, andiam...
Or che letizia rasserena gli animi
senza indugio corriam.














UOMINI






A casa, a casa, amici, ove ci aspettano

le nostre donne, andiam.
Or che letizia rasserena gli animi
senza indugio corriam.











Il Coro si avvia.











TURIDDU




(a Lola che s'avvia)

Comare Lola, ve ne andate via
senza nemmeno salutare?




LOLA




Vado

a casa: non ho visto compar Alfio!




TURIDDU




Non ci pensate, verrà in piazza.

(al coro)

Intanto

amici, qua, beviamone un bicchiere.









(tutti si avvicinano alla tavola dell'osteria e prendono i bicchieri)
















TURIDDU






Viva il vino spumeggiante

nel bicchiere scintillante,
come il riso dell'amante
mite infonde il giubilo!

Viva il vino ch'è sincero

che ci allieta ogni pensiero,
e che annega l'umor nero,
nell'ebbrezza tenera.













CORO




Viva il vino spumeggiante

nel bicchiere scintillante,
come il riso dell'amante
mite infonde il giubilo!

Viva il vino ch'è sincero

che ci allieta ogni pensiero,
e che annega l'umor nero,
nell'ebbrezza tenera.





(si riprende il brindisi)











TURIDDU
(a Lola)




Ai vostri amori!

(beve)




LOLA
(a Turiddu)




Alla fortuna vostra!

(beve)




TURIDDU




Beviam!




CORO




Beviam! Rinnovisi la giostra!




















ATTO UNICO


scena
Undicesima




Alfio e detti.









[N. 13 - Finale]








(entra Alfio)







ALFIO




A voi tutti salute!




CORO




Compar Alfio, salute.




TURIDDU




Benvenuto! con noi dovete bere:

(empie un bicchiere)

ecco, pieno è il bicchiere.




ALFIO




(respingendolo)

Grazie, ma il vostro vino io non l'accetto.
Diverrebbe veleno entro il mio petto.




TURIDDU




(getta il vino)

A piacer vostro!




LOLA




Ahimè! che mai sarà?




ALCUNE DONNE
(a Lola)




Comare Lola, andiamo via di qua.









Tutte le donne escono conducendo Lola.











TURIDDU




Avete altro a dirmi?




ALFIO




Io? Nulla!




TURIDDU




Allora

sono agli ordini vostri.




ALFIO




Or ora?




TURIDDU




Or ora!









Alfio e Turiddu si abbracciano. Turiddu morde l'orecchio destro di Alfio.











ALFIO




Compare Turiddu, avete morso a buono...

(con intenzione)

C'intenderemo bene, a quel che pare!




TURIDDU




Compar Alfio! lo so che il torto è mio:
e ve lo giuro nel nome di dio
che al par d'un cane mi farei sgozzar,
ma... s'io non vivo, resta abbandonata...
povera Santa!... lei che mi s'è data...

(con impeto)

Vi saprò in core il ferro mio piantar!




ALFIO




Compare, fate come più vi piace;
io v'aspetto qui fuori dietro l'orto.

(esce)




















ATTO UNICO


scena
Dodicesima




Lucia e Turiddu.









(entra Lucia)







TURIDDU




Mamma, quel vino è generoso, e certo
oggi troppi bicchieri ne ho tracannato...
vado fuori all'aperto.
Ma prima voglio che mi benedite
come quel giorno che partii soldato...
E poi... mamma... sentite...
s'io... non tornassi... voi dovrete fare
da madre a Santa, ch'io le avea giurato
di condurla all'altare.




LUCIA




Perché parli così, figliuol mio?




TURIDDU




Oh! nulla! È il vino che mi ha suggerito!
Per me pregate iddio!
Un bacio, mamma... un altro bacio... addio!

(l'abbraccia ed esce precipitosamente)




















ATTO UNICO


scena
Tredicesima




Lucia, Santuzza e Coro.












LUCIA




(disperata, correndo in fondo)

Turiddu?! Che vuoi dire?





(entra Santuzza)







LUCIA




Santuzza!...




SANTUZZA




(getta la braccia al collo di Lucia)

Oh! madre mia!









(si sente un mormorio lontano)











DONNE




(gridando da molto lontano)

Hanno ammazzato compare Turiddu!









Tutti gettano un grido.




Santuzza cade priva di sensi, Lucia sviene ed è sorretta dalle Donne.








(cala rapidamente il sipario)
















Fine ATTO UNICO





Speranza

ATTO UNICO

Fernando de Lucia, il primo "Amico Fritz" (Fritz Kobus)

Speranza


L'amico Fritz: Commedia lirica in tre atti

Musica di Pietro Mascagni
Libretto di P.Suardon (Nicola Daspuro)



Personaggi

Suzel, soprano
Fritz Kobus, tenore
Beppe, lo zingaro, mezzosoprano
David, rabbino, baritono
Federico, amico di Fritz, tenore
Hanezò, amico di Fritz, basso
Caterina, governante di Fritz, soprano
Coro di contadini e contadine

L'azione ha luogo in Alsazia, 1890


--------------------------------------------------------------------------------

Atto Primo

Sala da pranzo in casa di Fritz Kobus

Mobili di quercia intagliati. A destra camera da letto di Fritz, a sinistra porta della cucina e porta d'ingresso. In fondo due grandi finestre a vetri colorati; accanto alle fine­stre due porte a invetriate. Le due finestre e la porta a sinistra, che danno accesso ad una terrazza, sono aperte. A sinistra, sul davanti, una piccola tavola con l'occorrente per scrivere. A destra, un po' più in fondo, tavola da pranzo ric­camente imbandita. Da un lato, una rastrelliera per pipe. Accanto alle finestre una piccola tavola da servizio; qua e là qualche seggiola, una poltrona.

Attraverso la porta e le finestre aperte si vede la balaustra a colonnine della terrazza, alla quale si accede per mezzo di alcuni scalini. Più in giù, nel fondo, si scorgono i tetti delle case, le cime degli alberi.

È il tramonto.

Scena I

Fritz e David

FRITZ

Ma questa è una pazzia! Vuoi maritare
tutti e, per colmo di sventura, io debbo
sborsar la dote!...

DAVID

Son ragazzi e s'amano...

FRITZ

Ci pensin loro... ho in odio il matrimonio...
Non so che sia l'amore... e chi sospira
e piange e si dispera per le donne
rider mi fa. Ma chi del mio denaro
resta garante?

DAVID

lo firmerò per loro...

FRITZ (sorridendo)

Bravo, di te posso fidarmi. Scrivi!

DAVID

Grazie! Grazie!

FRITZ (dettando)

«M'impegno io sottoscritto...»

Entrano Hanezò e Federico

Scena II

I precedenti, Hanezò, Federico, poi Caterina

HANEZÒ

Evviva Fritz!

FEDERICO

Evviva!

HANEZÒ (a Fritz)

Per la tua festa i nostri voti accogli.

DAVID

Deh, tacete. Bisogna ch'io gli scriva...

FRITZ

Debbo sbrigare uno dei tanti imbrogli
del rabbino...

FEDERICO

Ha qualcun da maritare?

HANEZÒ

Sempre!...

DAVID

Scrivo: «M'impegno io sottoscritto
di rendere al signor Fritz Kobus mille e
trecento lire al sei per cento, quando...

FRITZ (interrompendo)

il detto signor Fritz compiuti avrà
due secoli d'età!

HANEZÒ e FEDERICO (ridendo)

Ah! Ah!

DAVID

Che dici?

HANEZÒ

Bella davver!

DAVID (con dolore)

È inutile, tu vuoi
farti giuoco di me.

FRITZ

Suvvia, scherzavo.
Ecco il denaro.

DAVID

O mio diletto Fritz,
come potrò ricompensarti?

FRITZ

Voglimi sempre bene!

CATERINA (entrando con la zuppiera)

Signori, è pronto.

FRITZ

Andiamo a tavola!

HANEZÒ

Ed ancor Beppe non venne?

FEDERICO (a David che si dispone ad uscire)

E tu che fai?

DAVID

Verrò per fare un brindisi!

Si mettono a tavola, meno David. Caterina esce

FRITZ (servendo la zuppa agli amici)

Lascialo! In palpiti saran gli sposi...
Se tarda, possono d'ansia morir.

FEDERICO

Vada, s'affretti!

HANEZÒ

Corra!

DAVID

Noiosi!...
D'amor dovrete voi pur soffrir!

esce dalla terrazza

FRITZ (chiamando David attraverso la finestra)

Ohè, David! David, oggi perché
anche una sposa non hai per me?

DAVID (dalla terrazza)

Oh, Fritz, rammentalo, tu pur sarai
marito un giorno!

FRITZ

Ma tu non sai
la mia divisa? Amico a tutti e sempre...
Marito... no!

DAVID (allontanandosi)

Vedremo!

FRITZ

Oh! che bel matto!

HANEZÒ (alzando il bicchiere)

Viver tu possa sempre giocondo!

FEDERICO

Salute ai celibi di tutto il mondo!

CATERINA (rientrando, a Fritz)

Signore, è giunta Suzel, la figliuola
del fattor... vi vorrebbe salutare...
Ha dei fiori per voi...

FRITZ

Fatela entrare.

Caterina fa entrare Suzel e poi esce

Scena III

Suzel e i precedenti, poi David

SUZEL (con un piccolo mazzolino di viole mammole in mano si avanza verso la tavola con gli occhi bassi, tutta vergognosa)

Son pochi fiori, povere viole,
son l'alito d'aprile
dal profumo gentile;
ed è per voi che le ho rapite al sole...
Se avessero parole
le udreste mormorar:
«Noi siamo figlie timide e pudiche
di primavera,
siamo le vostre amiche;
morremo questa sera,
e saremo felici
di dire a voi, che amate gl'infelici:
il ciel vi possa dar
tutto quel bene che si può sperar».
Ed il mio cor aggiunge una parola
modesta, ma sincera:
eterna primavera
la vostra vita sia, ch'altri consola...
Deh, vogliate gradir
quanto vi posso offrir!

Suzel, con gli occhi bassi, offre il mazzolino a Fritz

FRITZ (sorridendo odora i fiori)

Tu sei molto gentil, dei fiori tuoi
l'olezzo mite giunge caro a me.
Grato ti sono. Orsù, vieni tra noi
al fianco mio.

Suzel esita

Ti vergogni? E di che?

SUZEL (timidamente)

Oh... no...

FRITZ

Bambina!

Suzel siede

HANEZÒ (sottovoce)

Com'è carina!

FEDERICO (c.s.)

Quanto candor!

HANEZÒ (c.s.)

Dei campi è un fior

FRITZ

E il babbo come va, povero vecchio?

SUZEL

Babbo sta bene; egli, però, vi aspetta.

FRITZ

Certo, verrò. Di'... come vanno i campi?

SUZEL

Tutto si allieta: il cielo è uno splendore,
l'aria è dolce e sottile, e il prato è in fiore.

FRITZ

Suzel, bevi. Verrò fra pochi dì.
Bevi! Non star così!

DAVID (entrando)

Vi saluto!

FEDERICO

Sei qui, vecchio rabbino!

HANEZÒ

Giungi in buon punto...

FRITZ

Ecco, un bicchier di vino!

David siede e beve

Un brindisi chi fa?

DAVID (a Suzel)

Tu pur, bimba, sei qua?
(Come la bricconcella
s'è fatta grande e bella!)

Dalla terrazza arriva un dolce suono di violino

HANEZÒ

Chi mai sarà?

FRITZ

Lo zingaro!

DAVID

Ah! questi è Beppe!

HANEZÒ

Udite il violino.

FRITZ (guardando Suzel)

Perché piangi, perché?

SUZEL (timidamente)

Mi commuove la musica...
Scusatemi.

FRITZ (sottovoce)

Di che?...
Se commuove anche me!

HANEZÒ (ascoltando la musica)

Oh, quanto è bella!

FEDERICO

Silenzio!... taci.

FRITZ

Che dolci note!

DAVID

Paiono baci!

La musica cessa. Tutti si alzano. Fritz corre verso la terrazza e s'incontra con Beppe

Scena IV

Beppe e i precedenti

BEPPE

Salute, amico Fritz!

FRITZ (abbracciandolo)

Ah! n'ero certo
che saresti venuto...

BEPPE

Amico, avrei sofferto
di non farti per oggi il mio saluto...

FRITZ

Beppe, siediti qua...
so quel che vuoi dirmi...
non voglio udir!

DAVID

Canta per noi!

Beppe imposta li violino all'uso zingaresco e, dati alcuni accordi, canta

BEPPE

Laceri, miseri, tanti bambini
languîano qua,
senza mamma quei poverini
facean pietà.
Era uno strazio! Quando, amoroso,
per essi stringersi un cor sentì:
fu il nostro amico quel generoso
che li nutrì.

FRITZ (con dispetto)

La vuoi finir?

DAVID, HANEZÒ e FEDERICO

Oh, canta, seguita, lascialo dir!

BEPPE

Preso dal turbine d'una bufera,
persi il cammino;
ansante, gelido, sfinito, a sera
caddi supino.
Scendea la morte! Quando, amoroso,
un braccio valido mi sollevò:
fu il nostro amico quel generoso
che mi salvò!

DAVID, HANEZÒ e FEDERICO

Viva lo zingaro! Evviva! Bravo!

FRITZ (celiando)

D'esser sì grande io non pensavo!

CATERINA (rientrando ed appressandosi a Suzel)

Suzel, fermo alla porta è il biroccino.,.

SUZEL (alzandosi rapidamente)

Ah sì, che è tardi!

FRITZ

Vuoi lasciarci già?

SUZEL

Il babbo attende...

FRITZ

Va', cara piccina...
Presto verrò. Salutalo per me.

SUZEL

Grazie, vi servirò.

FRITZ

Ringrazio te
dei vaghissimi fior.

Suzel fa un inchino ed esce

HANEZÒ

Come s'inchina!

BEPPE

Ha nello sguardo amore!...

FEDERICO

Quanto è gentile!

DAVID

A me sussurra il core:
bisogna farne subito
la più vaga sposina
di tutta Alsazia!

FRITZ

Ma Suzel è bambina.

DAVID

Presto, vi giuro, io la mariterò.

FRITZ

Che pazzo!

HANEZÒ

Oh, tu vaneggi...

DAVID

Io so quel che mi fo!

FRITZ

Va alla malora
tu, le tue femmine,
e chi le adora!

HANEZÒ e FEDERICO

Rabbin, questa è per te!

DAVID (levandosi irritatissimo)

Per voi, ghiottoni inutili,
la vita è nel goder!
Passar i giorni a tavola,
ecco il più gran piacer.
Ma chi nel petto ha un'anima,
chi crede in Dio, che disse:
«Getta nel fuoco l'albero
che senza frutti visse»,
chi preferisce al vivere
randagio e senza amor,
una famiglia, un placido
nido che allieti il cor,
vi deve disprezzar,
deve chiamarvi piante da bruciar!

BEPPE

Il suo sermone è splendido!

FEDERICO

Ma predica al deserto...

FRITZ

Oh! grida, strilla, arrabbiati!

DAVID (a Fritz)

Eppure... io ne son certo,
noi presto accompagnar
ti dovremo all'altar.

FRITZ

All'altare?

DAVID

Ne dubiti?
Lo affermo e ci scommetto!

BEPPE

Oh, che bel matto!

HANEZÒ

Stolido!

FRITZ

La tua scommessa accetto:
giuoco la vigna mia di Clairefontaine!

DAVID

Ad ufo beverò. Vada!

FRITZ

Sta ben!

S'ode il suono lontano d'una piccola fanfara che si avvicina a poco a poco

HANEZÒ

Son gli orfanelli...

BEPPE (a Fritz)

Portano
a te, benefattor,
il saluto del cor!

Beppe, Federico e Hanezò corrono alla terrazza

HANEZÒ

Oh, quanta gente!

BEPPE

Vengono in qua.

FEDERICO

Oh, come marciano!

BEPPE

Guardali là!

HANEZÒ (a Beppe)

Son tuoi discepoli?

BEPPE

Amico, sì!

HANEZÒ

La folla applaude!

FEDERICO

Sono già qui.

BEPPE (batte il tempo con le mani)

Oh, vieni, Fritz, vieni a veder!

FEDERICO

È uno spettacolo che fa piacer!

FRITZ (battendo sulla spalla di David)

I figli miei saranno quelli ognor!

poi agli altri

Andiamo, amici, i bimbi a salutar!

raggiunge gli amici sulla terrazza

DAVID

Eppure, o stolti, vi vedrò cascar!

LA FOLLA (di fuori)

Salute a Fritz! Viva il benefattor!

Tutti agitano i cappelli salutando la folla


--------------------------------------------------------------------------------

Atto Secondo

Cortile nella fattoria di Mésanges

A destra, la fattoria, larga tettoia sporgente; finestre a pic­coli vetri ottangolari, scala esterna con ringhiera di legno, che conduce al primo piano. Abbasso, accanto alla scala, un pozzo coll'abbeveratoio pel bestiame.

In fondo, un piccolo muro taglia la scena da destra a sini­stra. Nel centro del muro è un vano, con un cancello di legno. Tra il pozzo e il cancello, dietro al muro, un ciliegio che stende i suoi rami sul cortile. Nel cortile, aiuole e vasi con fiori.

Qua e là, appoggiati al muro, aratri, rastrelli, falci. Sotto la tettoia, ceste e paglia.

È l'alba.

Scena I

Suzel, Coro interno

SUZEL

Ah, le belle ciliegie! Stamattina,
appena il signor Fritz sarà disceso,
vo' che le assaggi... sono già mature.

CORO (da lontano)

Chi l'amor suo non seppe conservar
perde il tempo a sperar!
L'amore che lontano se ne va
mai più non tornerà.

SUZEL

I contadini sono andati all'opre,
era tempo: oggi devono tagliare
l'orzo maturo nella prateria.

Scena II

Suzel e Fritz

SUZEL

Il padrone tra poco sarà desto,
voglio per lui comporre un mazzolino.

cogliendo fiori

- Bel cavaliere, che vai per la foresta...
- Che volete da me, cara figliuola?
- Bel cavaliere dalla faccia mesta...
- Cogliete fiori, allegra boscaiuola?
- Bel cavaliere, ti darò una rosa...
- Grazie, piccina, rose non ne vo'!...
- Bel cavalier, sarà per la tua sposa...
- Piccina, grazie! la sposa non l'ho!

Fritz si mostra in cima alla scala, ascoltando

FRITZ

Suzel, buon dì. D'un gaio rosignuolo
la voce mi svegliò.

SUZEL

Che dite mai?

FRITZ

Mi piace come canti...

SUZEL

Oh, signor Fritz...
Canto così come mi vien dal core.

FRITZ (scende dalla scala)

Quei fiori son per me?

SUZEL

Per voi li ho côlti...
Ed oltre i fiori ho pronta una sorpresa..

FRITZ

Una primizia certo...

SUZEL

Le ciliegie.

FRITZ

Ciliegie! e son di già mature?

SUZEL

Han della porpora vivo il colore,
son dolci e tenere...

FRITZ (fra sé, guardandola dolcemente)

Di primavera somiglia a un fiore
fragrante e roseo...

SUZEL

Son pronta a coglierne un mazzolino...
debbo gettarvele?

FRITZ

Gettate subito, bell'augellino,
le saprò prendere...

Suzel esce dalla porta dell'orto, appare in cima alla scala dall'altra parte del muro, coglie le ciliegie e le getta a Fritz

Fresche scintillano, di brina ancora
son tutte roride...
Ma... è da quell'albero che, sull'aurora,
pispiglia il passero?

SUZEL

Sì, da quell'albero...
Ciò ch'egli dice

FRITZ

non sai comprendere?

SUZEL

Io lo so intendere... ch'egli è felice
nel canto mormora,
sui rami floridi ha i suoi piccini...
lieti l'aspettano,
agili scherzano dei biancospini
tra i fiori candidi.

FRITZ

Come ne interpreti bene il linguaggio!

SUZEL

Sembra che parlino...
Sembra salutino coi fior il raggio
dell'aurora...

FRITZ (solo, al proscenio)

Tutto tace,
eppur tutto al cor mi parla...
questa pace
fuor di qui, dove trovarla?
Tu sei bella,
o stagion primaverile!
Rinnovella
fiori e amor il dolce aprile!

SUZEL (rientrando dalla porta dell'orto, col grembiulino pieno di ciliegie)

Quale incanto
nel risveglio d'ogni fiore!
Riso o pianto,
tutto è palpito d'amore!
Tutto il prato
d'un tappeto s'è smaltato...
Al Signore
s'alza l'inno da ogni core!



Scena III

David, Beppe, Hanezò, Federico e i precedenti

(Si ode il rumore di un biroccino che arriva)

FRITZ

Oh! chi è che giunge? O Suzel, guarda!
Odo i sonagli...

SUZEL (guardando a sinistra)

È un biroccino...
I vostri amici! Beppe, il rabbino...

FRITZ (che è corso a vedere)

È Federico! Visto il bel ciel,
vengono qui.

SUZEL

Scesi son già.

FRITZ

Incontro andiam!

Escono. Dopo poco rientrano accompagnati da David, Beppe, Hanezò e Federico

SUZEL

Bene arrivati!

FRITZ

Il sol vi attrasse?...

BEPPE

Tu ci hai scordati!
Ti ripeschiamo!

DAVID (guardando Fritz meravigliato)

Sei fresco e bello.

FRITZ

Sì, sto benone... Merito a lei...

addita Suzel

DAVID

Brava davver!

Suzel entra nella fattoria

FRITZ

Nelle mie terre
facciamo un giro?

BEPPE, FEDERICO e HANEZÒ

Sì! Sì!

FRITZ (a David)

Dei nostri tu pur non sei?

DAVID

lo no, darei
disturbo e noia, mi sento stanco...

FRITZ

Andiamo noi!

DAVID

Vi attenderò...

FRITZ

Salute a David... Andiam, andiam !...

DAVID

Sin che torniate riposerò!

Tutti escono, meno David che siede, cava la tabacchiera e annusa

Vediamo un po'! L'amico
in volto è colorito e d'umor gaio...
Non ci fa saper nulla...
e sorridendo elogia la fanciulla...
Ch'egli sia già rimasto al paretaio?
Quando Suzel vedrò, tutto conoscerò.

Scena IV

David e Suzel

SUZEL (con una brocca dirigendosi al pozzo)

Ah, siete ancora qui?

DAVID

Sì, mi riposo.

SUZEL

Io l'acqua attingerò.

DAVID

Dammene un sorso.

SUZEL

Vo a prendere un bicchiere...

DAVID

Oh, non importa...
la brocca basterà...

SUZEL

Come volete...

DAVID (da sé)

La ragazza è carina...

SUZEL (gli porge da bere)

A voi! prendete!

DAVID (dopo aver bevuto)

È purissima e fresca...

SUZEL (c.s.)

Eccone ancora!

DAVID

Per ora no... fammi riprender fiato...
Ragazza, tu non sai ciò che pensavo?

SUZEL (impacciata)

In verità... signor...

DAVID

Presso la fonte,
porgendomi da ber, tu mi sembravi
Rebecca; e mi credetti Eleazaro.

SUZEL (subito)

Vi ridete di me?

DAVID

Non rido, no.

SUZEL

Ma che volete dir?

DAVID

Non sai la Bibbia?

SUZEL

Sì, la leggo ogni sera al padre mio.

DAVID

Ridimmi un po' la storia di Rebecca!

SUZEL (impacciata)

Signor mio, non potrò...

DAVID

Che! ti vergogni?

SUZEL

Ho soggezione...

DAVID

Via, fatti coraggio!

SUZEL (dopo un po' d'esitazione)

Faceasi vecchio Abramo, ed il Signore
lo aveva benedetto. Ei disse un giorno
al suo più vecchio servo: «Parti, va
nella natal mia terra, ed una sposa
scegli ad Isacco mio»

DAVID

«Ché tra le figlie
di Canahan, donna per lui non v'ha».

SUZEL

Ed in Mesopotamia il vecchio servo
fedele se n'andò; ma giunto ai pozzi
nei pressi di Nachor...

DAVID

Proprio così!

SUZEL

«Signor, ei disse, fa che la donzella
a cui prima dirò: porgimi l'anfora,
e che dirammi: "bevi" sia la sposa
d'Isacco».

DAVID

Brava!

SUZEL

E tempo non passò
che comparve Rebecca...

DAVID

Amata figlia
di Béthuel, figlio a Nachor, bellissima!

SUZEL

E il vecchio servo disse: «Oh, fa ch'io beva
un sorso di quell'acqua, per favore!
Ed essa a lui: «Ne bevi, o mio signore»
e l'anfora piegò verso quel vecchio.

DAVID

E sposa fu Rebecca... Ed ora, Suzel,
se a te dicessi, che porgesti l'acqua:
«Sono un messo del cielo, il mio signore,
che ha dovizia di case e campi e armenti,
non attende che te», che mi diresti?

SUZEL

Che dir potrei?... Non so... Giammai pensiero...

DAVID (fissandola negli occhi)

Giammai, davver?... E se, come Eleazaro,
ti dicessi: «Chi viene a noi dai campi?»
risponderesti tu come Rebecca,
nascondendoti il viso?

FRITZ (da fuori)

O Beppe, qua!

SUZEL (nascondendosi il viso nel grembiulino)

Ahimè! Mio Dio!

fugge nella fattoria

DAVID (con un sorriso di soddisfazione)

La sposa sua sarà!

Scena V

David e Fritz

FRITZ

Come va?

DAVID

Meglio assai... son riposato...
Ma... la campagna a te non viene a noia?

FRITZ

No, qui Suzel con garbo m'intrattiene...

DAVID

Suzel... difatti, ha qui con me parlato...
Mi piace... troverà presto marito.

FRITZ

Marito a lei! Ti pare?... è una bambina!...

DAVID

Ho il giovanotto che ci vuol per lei...

FRITZ (scaldandosi)

Essa rifiuterà...

DAVID

Non ci pensare!

FRITZ

Dell'antica mania non sei guarito?

DAVID

E mai ne guarirò. Parlo a suo padre
e le nozze, vedrai, si faran presto.

FRITZ (scattando)

Oh! no, non si faran perché non voglio...
Ah! finalmente... tu mi vieni a noia.
Lasciami in pace!

DAVID

A un vecchio amico parli
In questo modo?... Ma non mi spaventi
colle tue grida, non mi fai paura!

fa l'atto d'andarsene

FRITZ

David! David!

DAVID (ritornando)

Che c'è?

FRITZ

Vattene al diavolo!

David esce

Scena VI

Fritz solo

FRITZ

Quale strano turbamento
improvviso ora m'assale...
Da quel nuovo sentimento
agitato io sento il cor?
È l'amor da me deriso,
che si vendica e m'investe...
Dovran ridere sul viso
alla vittima d'amor?
No... son salvo... il rabbin m'aperse gli occhi...
Vo' fuggir... Suzel qua non mi trattiene...

Scena VII

Fritz, Hanezò, Federico, poi Beppe

FEDERICO

Fritz, noi partiamo... addio!

FRITZ

Con voi ritorno anch'io...

HANEZÒ

Come, vieni in città?

FRITZ

Sì, voglio tornar via.

FEDERICO

Così presto, perché?...

FRITZ

Mi ha tediato la campagna!

HANEZÒ

Ma il rabbino dov'è?

FRITZ

Resta alla fattoria.

FEDERICO

Ma qui si perde tempo...

FRITZ (da sé)

Oh! povera mia Suzel!

BEPPE

l biroccino si muove già.

FEDERICO

Che più s'aspetta?

FRITZ

Lesti, in città.



Scena VIII

David e Suzel

(Si sente il rumore del biroccino che si allontana)

DAVID

Sono i sonagli del biroccino...
E Fritz dov'è? Sta' a vedere
che ha preso il volo!...

SUZEL

Signor rabbino!

DAVID (additando il biroccino)

Non vedi... là?

SUZEL (con un grido)

È lui!

DAVID (fra sé)

Oh, il vile! Il disertore!

SUZEL (desolata)

Ahimè partì!

DAVID

Piangi?... perché?...

SUZEL (confusa)

Non so...

DAVID

Via, fatti cor!

SUZEL

Ahimè ! Partito egli è!...

DAVID (fra sé)

Son lagrime d'amor!

CORO INTERNO Dl DONNE

L'amore che lontano se ne va
mai più ritornerà!

SUZEL (disperata)

Mai più... non tornerà! Ahimè!...


--------------------------------------------------------------------------------

Atto Terzo

La stessa scena del primo atto

Scena I

Fritz solo

FRITZ

Tutto ho tentato... tutto, e sempre invano...
L'ho lasciata laggiù, senza un addio:
ma l'immagine sua, pur da lontano,
m'appare mesta e mi richiama a sé.

VOCI INTERNE

Intrecciate ghirlande, o giovinette!
Giovani, un fior mettetevi alI'occhiello!
La bionda molinara è andata sposa
stamane col suo bello!

FRITZ

E da per tutto amor! Sempre Il destino
mi perseguita... Ahimè Si sposa a Franges,
a Mesnil si battezza... e fin due vecchi,
bianchi ed allegri, fan le nozze d'oro!...
Oh, questa pace come turba il core!
Come tutto mi canta: «Amore! Amore!»

Scena II

Fritz e Beppe

BEPPE

Buon giorno, Fritz! Ti volli salutare...
Perché triste così?

FRITZ

Nulla...

BEPPE

Una volta
venivi incontro con un bel sorriso...
Che cos'hai?

FRITZ

La tristezza mi tortura!
Pace trovar non so...

BEPPE

Povero amico!
Oh! lo conosco il male che tu soffri!...
e l'ho provato anch'io, né son guarito!...
E scrissi una canzon per consolarmi.
Non la conosci tu? Vuoi che la canti?
O pallida, che un giorno mi guardasti,
in sogno tornami!
Una dolcezza tal mi procurasti,
che ancor ne ho l'estasi!
Oh! che chiedevi tu, con gli occhi tuoi?
Ebbrezze o lagrime?
Pallida, torna a me, dimmi che vuoi,
ch'io nulla négoti!
Nulla ti so negar, pallida mia,
t'ho dato l'anima...
E su un tuo bacio dà la morte... sia!
Oh vieni, baciami!

FRITZ

Anche tu, Beppe, giungi a torturarmi
con le mendaci ebbrezze del pensiero?
Lasciami in pace... lasciami!

BEPPE

Men vo!
Povero amico!

Beppe esce

Scena III

Fritz solo

FRITZ

Ed anche Beppe amò...
Anche al suo cor si apprese
questa febbre fatale della vita!
Anch'ei si accese
del male che delizia e fa soffrir!

sospira

O amore, o bella luce del core,
fiammella eterna che il mondo ha in sé.
Mesta carezza, lieto dolore,
la vita è in te!
Blanda è la luce che a notte scende,
sfolgora il sole possente ognor,
pure il tuo raggio su tutti splende,
luce del cor!
Oh! splendi, eterna limpida face!
Spanditi, o palpito generator!
Oh! canta, canta, l'inno di pace:
la vita è amor!

Scena IV

Fritz e David

DAVID (fra sé)

L'amico Fritz fantastica d'amore!

avanzandosi

Ebbene, come va?

FRITZ

Lasciami stare!

DAVID

Lo so, lo so che non ti senti bene...
Dice la Bibbia: «Al solitario, guai!»

con mistero

Ho combinato tutto...

FRITZ

lo non intendo...

DAVID

Per le nozze di Suzel...

FRITZ

Che mi dici?

DAVID

Impallidisci?

FRITZ

Non mi sento bene!
Ma... di' la verità... Suzel è sposa?

DAVID

Con un bel giovanotto, allegro e ricco...
Suo padre oggi verrà pel tuo consenso.

FRITZ

Ma... Suzel non sa nulla?

DAVID

Approva tutto.

FRITZ

lo nego il mio consenso...

DAVID

Oh! non lo dire!

FRITZ

Per farti rabbia m'opporrò...

DAVID

Fa pure!

Fritz esce

Scena V

David poi Suzel

DAVID (sorridendo)

Povero Fritz, l'amore in te si desta...
e una vera tempesta
s'agita nel tuo cor!

chiamando

Caterina...

Entra Suzel

Ah, sei tu, Suzel!

SUZEL

Signore, venni a portare
i frutti al mio padrone.

DAVID

Perché mesta cosi?... Piccina mia,
ti voglio sempre veder lieta, sai?
Che? Ti spuntan le lagrime? Fa' cuore!
Quando ritornerò sorriderai!

esce

Scena VI

Suzel sola

SUZEL

Non mi resta che il pianto ed il dolore...
io non sogno che ai piedi suoi cader,
dirgli che tutto il core
vive del suo pensier!
Vorrei dirgli: ma tu dei miei tormenti
non comprendi l'orribile martir?
Ah! nel tuo cor non senti
che mi farai morir?

Scena VII

Suzel e Fritz

FRITZ

Suzel!

SUZEL

Signor!

FRITZ (fra sé)

Come s'è fatta pallida!

a Suzel

Che mi vuoi dire?

SUZEL

lo?... nulla...

FRITZ

E che mi venne
allora a raccontare David? Ch'eri
già fidanzata ad un bel giovinotto?

SUZEL

Ahimè!

FRITZ (con amarezza)

Credevo inver che tu venissi
a portarmi l'invito per le nozze.

SUZEL

Ah! non lo dite!

FRITZ

Perché piangi? Forse
non l'ami?... E perché mai lo sposi?

SUZEL

Il babbo così vuol.

FRITZ

IL babbo? Ma tu non l'ami?

SUZEL

No.

FRITZ

Rifiuta le nozze!

SUZEL

lo non ho core...
Ma voi che lo potete
salvatemi, signore!

supplichevole

Ah! ditela per me quella parola,
ditela al padre mio:
se anco dovessi al mondo restar sola,
m'assisterà il buon Dio!
Pel babbo, certo, è questa una gran pena,
io lo farò soffrir...
Ma pria d'aver al cor quella catena,
preferisco morir!

FRITZ

Suzel, tu n'ami un altro!

SUZEL

Un altro? Ah, no!

FRITZ

Confessa! dimmi il nome suo qual'è?

SUZEL

Ahimè!

FRITZ

Saper lo voglio! Ed io farò
ch'egli ti sposi.

SUZEL

No!

FRITZ

Sì, dillo a me!

SUZEL

Giammai, giammai, signor, prima morir!

FRITZ

Te ne scongiuro!

SUZEL

Ah, no! voglio partir!

FRITZ

Ma... s'io t'aprissi le mie braccia?

SUZEL

Oh, Dio!

FRITZ

Se ti dicessi: t'amo!

SUZEL

Èsogno il mio?

FRITZ

lo t'amo, t'amo, o dolce mio tesor,
soave immagine d'amor!
Di te soltanto
vivea, mio bene,
e sol di te vivrò!

SUZEL

Oh! parla, parla, imparadisa il cor!
Non oso gli occhi volger su di te!
O vivo raggio d 'amor,
oh, splendi, splendi per me!
Il duolo, il pianto
e le mie pene,
tutto ora scorderò!

FRITZ

O Suzel mia, giammai, giammai sì amò di più!

SUZEL

lo t'amo, t'amo tanto! La vita mia sei tu!

Scena ultima

I precedenti, David, Beppe, Federico, Hanezò e Caterina

DAVID (comparendo, seguito dagli altri, sul limitare della terrazza)

Amici, ho vinto, ho vinto!

FRITZ

O buon rabbino, vinse l'amor! La vigna è tua!

DAVID

La vigna è di Suzel!

FRITZ

Che dici?

DAVID

E non si strinse patto fra noi
che ne sarei padrone?
E sia data alla tua sposa la vigna
dl Clairefontaine!

BEPPE e CATERINA

Bravo, rabbino! bravo!

FEDERICO (a Fritz)

Tu sposi, Fritz?

HANEZÒ

E noi che mai faremo?

DAVID

Per voi ci penseremo...
Se avete in petto il core,
lontana non sarà l'alba d'amore!

FRITZ

O amore, o bella luce del core,
fiammella eterna che il mondo ha in sé,
mesta carezza, lieto dolore,
la vita è in te!

TUTTI

O amore, o bella luce del core,
fiammella eterna che il mondo ha in sé,
mesta carezza, lieto dolore,
la vita è in te!


--------------------------------------------------------------------------------

Fine




This Site © 1999-2010 Erik Bruchez. All Rights Reserved.
Powered by Orbeon Forms - internetVista® monitoring